Come rappresentare graficamente una funzione tangente periodica COMMENTA  

Come rappresentare graficamente una funzione tangente periodica COMMENTA  

Le funzioni matematiche possono prendere un certo numero di forme diverse, ma tutti hanno la capacità di manipolare un ingresso, al fine di generare un output. Ci sono numerose funzioni matematiche, ma solo alcune sono periodiche e queste sono generalmente note come funzioni trigonometriche. Ci sono tre principali funzioni trigonometriche e queste sono conosciute come seno (sin), coseno (cos) e la tangente (tan). Le funzioni periodiche come la tangente possono essere tracciate utilizzando una calcolatrice scientifica per generare valori x e y.

Leggi anche: Un bicchiere di vino rosso al giorno rallenta il declino cognitivo, dicono i ricercatori


Quello che vi serve

calcolatrice scientifica

carta millimetrata

righello

istruzioni

1. Disegnare una tabella con due colonne. Etichettare la prima colonna “x” e la seconda colonna “tan (x).” Inserire i valori da 1 a 20 nella colonna “x”.

2. Accendere la calcolatrice. Inserire il primo valore di x (1) nella calcolatrice e quindi premere il tasto “tan”. Annotare la risposta nella seconda colonna. Ripetere per tutti i valori di x, finché la tabella è completa.


3. Disegnare gli assi sulla carta millimetrata. Etichetta l’asse x “x” e l’asse y “tan (x).” Osservare il primo valore di x nella tabella. Cerca sul x-asse. Trovare il valore corrispondente y nella tabella e sul y. Tracciare una croce dove i valori x e y si intersecano. Ripetere questa operazione per tutti i dati nella tabella. Utilizzando un righello, tracciare una linea tra i punti adiacenti. Il grafico è ora completo. Il grafico di tan (x) deve essere periodico e ripetersi ad intervalli di Pi.

Leggi anche

San Nicola Bari: vita e miracoli
Cultura

San Nicola Bari: vita e miracoli

Figura centrale nel campo dell'agiografia, San Nicola di Bari è uno dei santi più amati al mondo e il più importante tra X e XIII sec. Miracoli San Nicola di Bari nasce a Pàtara tra il 261 e il 280. Cresce all'interno del Cristianesimo e perde molto presto i genitori, ereditandone un cospicuo patrimonio. La sua natura caritatevole lo porterà a regalare ai poveri parte di questo e sarà anche all'origine del mito di Santa Claus. Nicola si trasferisce poi a Myra, dove diventa sacerdote e poi vescovo, alla morte del metropolita della città. Nel 305, durante le persecuzioni di Diocleziano, Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*