Come razionalizzare la radice quadrata di 1/5

Scuola

Come razionalizzare la radice quadrata di 1/5

Un’espressione radicale contiene uno o più segni radicali, che appaiono come “√”. Per semplificare un’espressione radicale con una frazione, è necessario eliminare altrettanti segni radicali, come si può e non lasciare segni radicali nel denominatore. Se non si può eliminare un segno radicale, trovando una radice perfetta del numero all’interno del segno radicale, come nell’espressione √ (1/5), è possibile semplificare l’espressione razionalizzando il denominatore della frazione. Razionalizzare un denominatore è un modo di moltiplicazione di un numeratore e denominatore di una frazione per il radicale stesso per eliminare radicalmente il denominatore.

Istruzioni

1. Riscrivere la frazione dentro il segno radicale come una frazione con il numeratore all’interno di un segno radicale e il denominatore all’interno di un segno radicale. Ad esempio, riscrivere √ (1/5) come (√ 1) / √ 5.

2. Calcolare la radice quadrata del numeratore, denominatore o in entrambi se potete. Ad esempio, calcolare la radice quadrata di 1, che è 1.

Lasciare √ 5 al denominatore perché non si può calcolare la sua radice quadrata. Ciò si traduce in 1 / √ 5.

3. Moltiplicare il numeratore e denominatore per il radicale stesso che è al denominatore per razionalizzare il denominatore. Ad esempio, moltiplicare il numeratore e denominatore per √ 5. Ciò equivale a (1 x √ 5) / (√ √ 5 x 5).

4. Moltiplicare i numeri per il numeratore. Ad esempio, moltiplicare 1 per √ 5, che è uguale a √ 5.

5. Moltiplicare i due radicali del denominatore per eliminare il radicale del denominatore. Ad esempio, moltiplicare per √ √ 5 5, che è uguale a 5. Ciò lascia (√ 5) / 5 come espressione semplificata del radicale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

pillar-capitals-2367488_960_720
Storia

I tre ordini architettonici greci

22 agosto 2017 di Notizie
Gli ordini architettonici  sono la più grande invenzione introdotta dai Greci nell'arte della costruzione. Tale invenzione risponde principalmente all'esigenza di eliminare qualsiasi forma di casualità nella realizzazione di un edificio.