Come richiedere modelli precompilati pagamento Tasi COMMENTA  

Come richiedere modelli precompilati pagamento Tasi COMMENTA  

La conferma della Tasi per l’anno 2015 ha portato anche le problematiche connesse alle modalità di versamento del tributo. Sembrerebbe che quest’anno sia diventata effettiva la possibilità di effettuare il pagamento mediante modello precompilato.

Leggi anche: Acconto Imu e Tasi: il 16 giugno è l’ultima data utile per pagarlo


Premesso che gli importi dovuti dovrebbero rimanere invariati rispetto all’anno precedente, vediamo cosa succede per quanto concerne il versamento del tributo.

I contribuenti dovranno provvedere mediante autoliquidazione con rischio di errori o dovranno attendere dai comuni modelli precompilati?

Se fino ad oggi l’opzione di un modello precompilato è stata vista come difficilmente esercitabile, un po’ di chiarezza dovrebbe venire dalla L. 89/2014 che stabilisce che: “i Comuni assicurano la massima semplificazione degli adempimenti dei contribuenti rendendo disponibili i modelli di pagamento preventivamente compilati su loro richiesta, ovvero procedendo autonomamente all’invio degli stessi modelli”.

Come richiedere modelli precompilati pagamento Tasi

In base al disposto di legge la preventiva compilazione si ha solo previa richiesta da parte del contribuente.


L’invio del modello precompilato resta comunque facoltativo. Sulla base di quanto disposto dall’articolo 5 del decreto ministeriale 23 maggio 2014  parie proprio non vi sia alcun obbligo a carico del comune. La normativa stabilisce infatti che il comune “può” inviare i bollettini ai soggetti interessati.


La dichiarazione dovrà comunque essere redatta «su modello messo a disposizione dal Comune», e avrà effetto effetto anche per gli anni successivi qualora non vi siano variazioni dei dati già dichiarati ai quali è connesso l’ammontare del tributo. Non essendoci un decreto ministeriale che approvi formalmente uno specifico modello dichiarativo, ogni Comune dovrà predisporne uno.

L'articolo prosegue subito dopo


Al contribuente si suggerisce, data la situazione ancora un pò confusa, di verificare i singoli regolamenti comunali e le istruzioni fornite dai vari Comuni.

Leggi anche

Referendum: le città con il record di affluenze
Attualità

Referendum: le città con il record di affluenze

Referendum, la frequenza media d'Italia al momento è del 57, 24 %. ma ci sono città che superano la media alla grande. Alle urne sono stati chiamati ben 46.714.950 elettori, di cui 22.465.280 uomini e 24.249.670 donne. Alle 12 di oggi l'affluenza è stata alta, ma con  dei picchi massimi tra cui l'Emilia-Romagna al top (in cui ha votato il 25,96% della popolazione) e la Calabria in coda con il 13,02%. Alle 20 invece siamo, con 7.998 Comuni,  al 57,24%. "Tanti elettori alle urne? Me lo aspettavo perché si vota per una questione importante. Significa che la gente ha voglia di dire qualcosa" dice Leggi tutto
About Manuela Margilio 50 Articoli
Sono laureata in giurisprudenza e amo scrivere su questioni relative al diritto e fisco; mi piace leggere e mi dedico alle recensioni. Scrivere sul web è una delle mie passioni che mi consente di essere sempre aggiornata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*