Come ricordare qualcosa con l’autoipnosi

Scuola

Come ricordare qualcosa con l’autoipnosi

L’autoipnosi è simile alla meditazione. E’ un modo per ricordare qualcosa accedendo direttamente al tuo subconscio. Se hai dimenticato qualcosa, è perché c’è qualcosa nella tua mente che ti blocca l’accesso a quella informazione: è lì, solo che non è accessibile. Scavare nel tuo subconscio è un modo per aggirare tale blocco e portare alla luce l’oggetto perduto nella tua memoria.

Istruzioni

  1. Trova un posto confortevole dove sedere o sdraiarti. All’inizio, è meglio stare seduti piuttosto che sdraiati per evitare di addormentarsi.
  2. Libera la tua mente, rilassati, parla con te stesso. Respira profondamente e concentrati sul tuo respiro.
  3. Assicurati di essere completamente rilassato, in ogni muscolo: dita, braccia, gambe, spalle, viso…lasciati andare completamente
  4. Conta fino a venti. Immagina che tu sia in cima a una scala, e a ogni numero, scendi un gradino. Arrivato ai piedi della scala, al numero zero, rilassati completamente.
  5. Comincia a ripetere a te stesso che vuoi aumentare la tua memoria, che vuoi rimuovere ogni ostacolo che intercorre fra te e l’oggetto cui vorresti accedere.

    Cerca di visualizzarlo, o di riportare alla memoria determinati contesti o circostanze che lo riguardano. Ripeti questo processo più volte.

  6. Cerca di autosuggestionarti per facilitare il ricordo, imponiti un momento in cui quel qualcosa dovrà venirti in mente. Ad esempio, di a te stesso che stasera mentre di laverai i denti, ti ricorderai.
  7. Apri gli occhi, prenditi un momento ed alzati.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

pena capitale
Cultura

Cruciverba: la pena piu’ severa (8 lettere)

25 luglio 2017 di Notizie

Quando cerchiamo di risolvere un cruciverba spesso ci troviamo di fronte a definizioni di cui non conosciamo la risposta e che dobbiamo andare a “scoprire” incrociando le altre definizioni.
La definizione di oggi è “Qual è la pena più severa di carcerazione?”. La risposta, di otto lettere, è capitale.