Come ridurre le radici quadrate quando si risolvono le equazioni di secondo grado

Scuola

Come ridurre le radici quadrate quando si risolvono le equazioni di secondo grado

Le equazioni di secondo grado sono generalmente di forma ax^2 + bx + c. Poiché le funzioni quadratiche hanno la variabile x^2, la soluzione alle funzioni spesso richiede l’uso di radici quadrate. Se una soluzione decimale non è richiesta, quindi la radice quadrata deve essere ridotta nella sua forma più semplice quando si presenta come una soluzione.

istruzioni

1. Trovare la soluzione della radice quadrata della funzione quadratica. Ad esempio, se l’equazione è x ^ 2 – 72 = 0, allora la soluzione è x = +-radice (72). Il segno positivo e negativo è necessario, in quanto entrambe le soluzioni possono essere al quadrato per ottenere 72.

2. Eseguire la scomposizione in fattori primi del numero all’interno della radice quadrata. Nel nostro caso, la scomposizione in fattori primi di 72 è 3 * 3 * 2 * 2 * 2.

3. Individuare qualsiasi valore nella fattorizzazione che si ripete e spostare tale numero all’esterno della radice quadrata. Nel nostro esempio, si ottiene + – 3 * 2 * radice(2). Adesso, moltiplicare insieme i valori al di fuori della radice quadrata per la soluzione finale.

La forma ridotta è +-radice (72) è + – 6 * radice(2).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...