Come rimuovere la muffa dall’interno di un’auto COMMENTA  

Come rimuovere la muffa dall’interno di un’auto COMMENTA  

La muffa dentro la vostra auto non solo è brutta, ma può anche essere un rischio per la salute. La muffa può formarsi sotto o tra i sedili, vicino ai pedali del freno o anche sulla parte interna del tetto della vettura. Il miglior modo per sbarazzarsi di essa è il lavaggio con una soluzione di acqua ossigenata e candeggina.

Leggi anche: 10 anni di patente a punti


Quello che vi serve

1/2 cucchiaino candeggina

1/2 tazza 3 per cento soluzione di perossido di idrogeno

2 strofinacci

istruzioni

1. Preparare la miscela di pulizia. Mescolare il 1/2 cucchiaino di candeggina, 1/2 tazza di perossido di idrogeno e 2 tazze di acqua tiepida insieme in un piccolo secchio o ciotola.

Leggi anche: 34 splendide automobili, i suoni più sexy di sempre


2. Preparare il panno di pulizia. Immergere uno dei panni nella miscela e strizzarlo per rimuovere l’eccesso di soluzione.

3. Togliere la muffa con il panno.


4. Asciugare l’area. Utilizzare il secondo panno di pulizia per pulire eventuali residui.

5. Spruzzare un deodorante. La muffa spesso lasciano un odore sgradevole. Spruzzare l’interno della tua auto con il deodorante per eliminare qualsiasi odore restante.

Leggi anche

christmas-pudding
Guide

Come fare Christmas pudding: ricetta originale

In Inghilterra il Christmas pudding è un dolce tipico molto comune. Ecco la ricetta originale per realizzarne uno come la tradizione vuole. Gli Inglesi hanno l’abitudine di servire a tavola durante le festività natalizie un tipico dolce chiamato “Christmas pudding”, l’equivalente del nostro panettone, pandoro o torrone. Si tratta di una ricetta abbastanza semplice da realizzare, ma bisogna avere l’accortezza di lasciare la miscela di ingredienti in “riposo” per una notte, per dare la possibilità alla birra di amalgamarsi bene. Letteralmente “pudding” significa prugna, ma non vi è traccia di tale ingrediente nella ricetta tradizionale. Forse il termine “plum” si Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*