Come riparare capelli danneggiati dalla stiratura COMMENTA  

Come riparare capelli danneggiati dalla stiratura COMMENTA  

L’unico vero metodo per sistemare capelli danneggiati è tagliarli. Tuttavia, puoi aggiungere idratazione ai capelli rovinati con un trattamento di idratazione profonda fatto in casa. I capelli si rovinano lisciandoli troppo spesso, sia che si utilizzi una piastra che un trattamento chimico. Questo danno si manifesta sotto forma di capelli secchi e rovinati, inclini a rompersi facilmente, opachi oppure tendenti a cadere. Sebbene tu possa andare dal parrucchiere per ricevere un trattamento rigenerante profondo, puoi prepararti un trattamento simile da sola, e ottenere gli stessi risultati.

Leggi anche: Come festeggiare 8 marzo alternativo a Milano


ISTRUZIONI

1) Lava i tuoi capelli con uno shampoo che rimuova tutti i prodotti chimici. Sciacqua sotto acqua fredda e avvolgi i tuoi capelli in un asciugamano asciutto.

Leggi anche: Come festeggiare 8 marzo alternativo a Roma


2) Applica un quarto di una maschera professionale altamente idratante lungo tutta la lunghezza dei capelli. Continua ad applicare il prodotto fin quando i tuoi capelli non saranno interamente ricoperti, poi pettinali.


3) Riscalda per 10 minuti sul calorifero un asciugamano pulito e soffice. Indossa una cuffia da doccia di plastica e avvolgi l’asciugamano intorno. Lascia agire per 20 minuti.

L'articolo prosegue subito dopo


4) Rimuovi l’asciugamano allo scadere del tempo. Risciacqua il prodotto con acqua fredda. Asciuga i capelli con un asciugamano e pettinali.

5) Utilizza phon, piastra e ferro per i ricci il meno possibile. Fai un trattamento profondamente idratante tutte le settimane. Programma tagli di capelli mensili per rimuovere gradualmente i capelli danneggiati.

CONSIGLI E AVVERTIMENTI

Nei caldi giorni d’estate, metti la maschera idratante direttamente sui tuoi capelli e pettinali. Poi siediti all’aperto e lascia che il calore del sole la faccia assorbire dai capelli.

Leggi anche

bootloader
Guide

Come sbloccare bootloader Android

Strumento di sicurezza, ma anche freno alla creatività e limite alle necessità dei singoli utenti: signore e signori, il bootloader (e come sbloccarlo). Che cos'è un bootloader? Il termine in questione sta diventando familiare soprattutto tra gli utenti di smartphone, in particolare quelli che montano un sistema operativo Android, semplicemente perché è quello più "conveniente" da sbloccare, soprattutto per le possibilità che tale sistema operativo fornisce nell'ambito della personalizzazione del proprio dispositivo per mezzo dell'installazione di programmi non autorizzati. In realtà, ogni dispositivo che funziona grazie all'interfaccia fornita da un sistema operativo - quindi anche un comune PC - dispone Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*