Come risolvere le equazioni algebriche con l’addizione COMMENTA  

Come risolvere le equazioni algebriche con l’addizione COMMENTA  

a natura stessa dell’algebra è quella di cambiare le istruzioni complesse in forme più semplici. In effetti, la parola araba da cui proviene algebra – “al-Jabr” – significa “ridurre”. La maggior parte dei problemi di algebra vengono risolti attraverso una serie di passi in cui l’operazione opposta a quella indicata nella equazione è effettivamente svolta. Pertanto, la risoluzione attraverso l’addizione verrebbe applicata ad un insieme di termini o variabili per essere sottratti.

Leggi anche: Miur: scelte le seconde prove per gli esami di maturità

istruzioni

1. Si consideri una semplice equazione algebrica, come x – 7 = 13. In questa equazione, è necessario isolare la variabile “x” e poi spiegare o determinare il suo valore. In sostanza, si deve “annullare” l’equazione per isolare la “x”. Alla fine, il valore di “x” deve dimostrare che il resto dell’equazione è vero.

Leggi anche: Maxi Concorso Scuola: ecco le novità dal Miur


2. Si noti l’operazione richiesta dall’equazione. È la sottrazione (x – 7). Per scoprire la natura di x, si deve annullare l’operazione di sottrazione. L’hai fatto eseguendo l’operazione opposta: addizione

3. Aggiungi 7 a ogni lato del segno di uguale. Quando si aggiungono 7 a x – 7, si ottiene x – 7 + 7, che in effetti significa x + 0, perché -7 + 7 = 0. Questo ti lascia con x sola su quel lato dell’equazione. Ora aggiungere 7 dall’altra parte dell’equazione – 13. Questo ti dà 20. La nuova equazione x = 20.

Leggi anche

babbo-natale
Cultura

Babbo Natale esiste o no

Ci sono ancora bambini che credono a Babbo Natale e attendono con ansia di ricevere i suoi doni a Natale. Ma quanto c'è di reale in questo personaggio? La maggior parte dei genitori si sente rivolgere la fatidica domanda “Babbo Natale esiste o no?” dai propri figli appena riescono a percepire la realtà distinguendola dalla fantasia. Per alcuni questo momento arriva presto (fra i 3 e i 9 anni), per altri si prolunga un po’. Una cosa è certa: nell’immaginario collettivo dei più piccoli il personaggio di Babbo Natale ha persino soppiantato Gesù Bambino. Per i bimbi in tenera età Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*