Come risolvere le equazioni nella vita reale COMMENTA  

Come risolvere le equazioni nella vita reale COMMENTA  

Gli studenti spesso hanno difficoltà di matematica relativa alla vita quotidiana. Tuttavia, la matematica ha molte applicazioni pratiche. La matematica governa il mercato azionario e le velocità di cambio tra le varie monete. La matematica governa anche le leggi della domanda e dell’offerta. Gli studenti che risolvono reali problemi della vita con l’algebra ottenere una migliore comprensione dell’importanza di algebra. Essi hanno inoltre acquisito pratica con la manipolazione di valore variabile e sistemi di risoluzione di equazioni.

Leggi anche: TFA e/o PAS: chi non ha aderito ai ricorsi per il concorso deve essere messo a conoscenza di quando e come potrà abilitarsi


istruzioni

1. Determinare le variabili e le costanti del problema. Ad esempio, se il problema è “Due auto sono a 120 chilometri di distanza. Uno viaggia verso est a 30 Km/h e l’altra viaggia verso ovest a 40 Km/h. Quanto tempo ci vorrà che le vetture si raggiungano?” quindi la variabile è la quantità di tempo e le costanti sono la distanza e le due velocità.

Leggi anche: Papà supereroi e Papà Superdotati, la foto è virale


2. Collegate le variabili e costanti sulla base delle informazioni contenute nel problema. In questo esempio, le auto hanno bisogno di fare un totale di 120 miglia. Quindi, l’equazione è 30 * t + 40 * t = 120.


3. Risolvere l’equazione combinando i termini e la semplificazione. In questo caso, ci vogliono 120/70, o 1,71 ore per le macchine.

Leggi anche

tombola_natale
Cultura

Numeri della tombola: quanti sono

La tombola nasce nel lontano '700 a Napoli da una disputa tra re Carlo e padre Gregorio, ecco come si gioca e quanti sono i numeri.   La tombola è un tradizionale gioco da tavolo, che viene praticato soprattutto nelle festività natalizie. Nata nella città di Napoli nel XVIII secolo, la tombola, è una sorta di gioco del lotto in versione casalinga, ed è praticata tramite un sistema di associazione tra numeri e relativi significati, in genere umoristici appartenenti alla “Smorfia”. Secondo la tradizione, questo gioco sarebbe nel 1734 da una diatriba tra il re Carlo di Borbone e padre Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*