Come ritardare la comparsa delle rughe COMMENTA  

Come ritardare la comparsa delle rughe COMMENTA  

Ecco alcuni utili consigli su come ritardare la comparsa delle odiatissime rughe!

1.Integratori: E’ importante assumere la vitamina C, l’acido linoleico e il picnogenolo. L’olio di primerose è una fonte eccellente di acido linoleico (acido grasso Omega 6) così come altri oli: di girasole, d’oliva e di cartamo per citarne alcuni. Il picnogenolo è estratto dall’albero di pino marittimo. Rafforza il collagene della pelle e aiuta a prevenire i danni dei raggi UV. Applica inoltre creme e idratanti che contengono tea-tree e resveratrolo. Molti studi hanno dimostrano che gli integratori aiutano notevolmente a mantenere giovane la pelle.

Leggi anche: Integratori naturali per stanchezza: quali assumere

2.Dieta: riduci l’assunzione di carboidrati e grassi. Insieme agli integratori aiuta il naturale processo di rinnovamento della pelle. Consuma invece piccole quantità di grassi come olio d’oliva, di girasole e di argan e carboidrati che comprendono fibre ed evita quelli fatti con farina bianca.

Leggi anche: Come rinforzare la chioma con integratori alimentari

3.Trattamento pelle: l’olio di Argan è un ottima fonte di acido linoleico e vitamina E. Inoltre sono anche indicate le creme contenenti retinolo. E’ bene comunque usare delle creme idratanti che proteggono dai raggi solari, una delle cause del’invecchiamento della pelle.

Leggi anche

air-visual-earth
Ambiente

Air Visual Earth: ecco la mappa mondiale dell’inquinamento

E' online la prima mappa mondiale dell'inquinamento dell'aria, si chiama Air Visual Earth. A crearla un team internazionale di ricercatori. Si chiama Air Visual Earth ed è la prima mappa mondiale che mostra la qualità dell’aria del nostro pianeta. Per la prima volta, una rappresentazione di questo genere è stata resa disponibile online. Air Visual Earth mostra in tempo reale la situazione dell’inquinamento sulla superficie della Terra. E’ stata predisposta da un gruppo di ricercatori di vari Paesi, che hanno lavorato sotto il coordinamento di Yann Boquillod, mettendo assieme i dati rilevati dai satelliti e da circa 8 mila stazioni Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*