Come scrivere una equazione matriciale

Scuola

Come scrivere una equazione matriciale

Le matrici matematiche consentono di risolvere sistemi di equazioni lineari in modo rapido ed efficiente. Questo approccio è spesso visto nelle applicazioni che coinvolgono l’elettronica, la genetica e le aree simili che richiedono la necessità di risolvere le equazioni contemporaneamente. Complessi sistemi di equazioni spesso richiedono l’uso del computer. Tuttavia, è possibile tradurre fondamentali equazioni lineari in matrici senza molto sforzo. Per scrivere una equazione matriciale da una serie di equazioni, semplicemente separare i coefficienti delle variabili e organizzarle in righe e colonne che corrispondono alle loro posizioni originali.

istruzioni

1. Annotare il set di equazioni lineari che si desidera trasformare in un equazione matriciale. Ad esempio, 7x + 5A = 3 e 3x – 2y = 22.

2. Scrivere i coefficienti della prima variabile (x). Per l’esempio, la prima parte della matrice è scritta:

| 7

| 3

3. Scrivere i coefficienti della seconda variabile (y) . La matrice si presenta come esempio:

| 7 5 |

| 3 -2 |

4.

Annotare le variabili in una seconda matrice per dimostrare che la prima matrice è moltiplicata per la seconda. Ad esempio:

| 7 5 | | x |

| 3 -2 | | y |

5. Scrivere le costanti in una matrice separata a destra di un segno “=” per completare l’equazione matriciale. Seguendo l’esempio si può scrivere:

| 7 5 | | x | | 3 |

| 3 -2 | | y | = | 22 |

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

pillar-capitals-2367488_960_720
Storia

I tre ordini architettonici greci

22 agosto 2017 di Notizie
Gli ordini architettonici  sono la più grande invenzione introdotta dai Greci nell'arte della costruzione. Tale invenzione risponde principalmente all'esigenza di eliminare qualsiasi forma di casualità nella realizzazione di un edificio.