Come scrivere una nota di ringraziamento per il proprio capo
Come scrivere una nota di ringraziamento per il proprio capo
Lavoro

Come scrivere una nota di ringraziamento per il proprio capo

nota di ringraziamento

Vuoi ringraziare il tuo capo? Puoi scrivere una nota, un biglietto di ringraziamento, facendogli sentire la tua presenza e ringraziandolo per l'incoraggiamento e la pazienza che ha avuto con te.

Una nota di ringraziamento al capo è il miglior modo per esprimere la gratitudine nei suoi confronti per quello che ha fatto per voi. Oltretutto di questi tempi una manifestazione di gratitudine è un gesto piuttosto raro che può suscitare nel destinatario un notevole apprezzamento.

Lettera di ringraziamento al capo

Capiamo qual è il modo migliore per scrivere una nota corretta e capace di esprimere a pieno il ringraziamento per il vostro capo.

L’incipit dovrebbe comporsi con la citazione dei riferimenti aziendali, seguiti dai riferimenti del destinatario, dalla data e dal luogo. Successivamente si entra nel vivo della lettera, la parte più rilevante sotto il profilo del contenuto. Non è necessario scrivere un testo lungo con il rischio di ripetersi nell’esposizione del proprio messaggio. E’ consigliabile scrivere poche righe, costituite da frasi relativamente brevi e chiare.

Nel caso vi trovaste a concludere una collaborazione con l’azienda per cui avete lavorato dovreste essere in grado di segnalare sinteticamente la propria gratitudine per la collaborazione precedentemente svolta, magari offrendo la disponibilità a future collaborazioni, ove ve ne fosse l’occasione.

Chiaramente, quest’ultima opzione viene meno, se siete stati voi ad avere lasciato il posto di lavoro, in quanto l’espressione apparirebbe incoerente, oltre che una presa in giro e sortirebbe nel destinatario l’effetto opposto a quello desiderato, ovvero di irritazione.

Nel caso abbiate ricevuto una promozione, per prima cosa, dovreste introdurre la nota di ringraziamento scrivendo: “Caro Signor Black, ringraziandola per l’apprezzamento che ha sempre dimostrato nei miei confronti”, successivamente provate a spiegargli perché lo ringraziate, perché avete ricevuto una promozione e che scrivete la una lettera di ringraziamento al datore di lavoro per fargli capire che siete fieri di lavorare con lui.

Una delle accortezze da seguire per rendere la nota più semplice da leggere è cercare di non essere vaghi nell’esprimere i propri ringraziamenti ma al contrario essere espliciti ed andare nello specifico. Potreste usare alcune espressioni che rendono le vostre parole più sincere e meno scontate come: “Grazie per l’assunzione” piuttosto che “Grazie per la comprensione da lei ricevuta” o “La ringrazio per l’accettazione della mia proposta di finanziamento”.

Attenzione, però, a pensare che scrivere una lettera di ringraziamento sia come inviare una mail o una lettera informale.

Si tratta di una missiva, che deve rispettare alcune formalità minime, essendo inviata a un vostro datore di lavoro. Per scriverla è opportuno utilizzare alcune formule, come “In virtù del periodo lavorativo trascorso presso la Vostra azienda, desidero ringraziarvi”.

L’obiettivo principale della nota di ringraziamento è quello di trasmettere al proprio capo la gratitudine per il favore ricevuto: è proprio questo che chiunque compia un atto di generosità, come una promozione, desidera ricevere in cambio. La conclusione da usare dovrebbe metaforicamente rappresentare una stretta di mano, pertanto, piuttosto che il tipico “Cordialmente saluto” o “Con osservanza”, conviene fare uso di una frase più concisa “Con somma gratitudine”. Una formalità conclusiva da tenere sempre a mente è la firma da apporre a margine della nota di ringraziamento, prima in stampatello e poi in corsivo.

Ecco un esempio concreto di una nota di ringraziamento: “Con la presente intendo ringraziarvi sentitamente per la promozione che mi avete accordato, la mia dedizione ai compiti affidati è totale e, pertanto, sono lieto abbiate apprezzato il mio impegno e la mia disponibilità.
Mi impegno, in futuro, a migliorarmi in modo da dimostrare che la fiducia che mi state accordando è ben riposta e, ringraziandovi nuovamente, porgo cordiali saluti”.

Una buona lettera di ringraziamento al capo

Un buon esempio di lettera di ringraziamento al proprio datore di lavoro è quella scritta da alcuni dipendenti di un negozio di abbigliamento “Benetton” nel centro di Varese che, nonostante la chiusura del negozio in cui lavoravano, non hanno perso il posto di lavoro perchè il proprietario ha deciso di assumere gli stessi dipendenti nel nuovo store.

Alcune frasi scritte nella lettera sono significative: “E’ decisamente piacevole contare su un datore di lavoro con il quale si può avere un rapporto franco che si basi sulla stima reciproca. Per questo, in virtù della positiva esperienza professionale da poco terminata, vogliamo esprimere la nostra gratitudine, non solo all’imprenditore Gualtiero Caudera, ma all’uomo Gualtiero Caudera, che ha considerato le proprie collaboratrici come persone e non come numeri e che le ha accompagnate nel percorso della loro vita, durante il quale sono diventate donne, moglie e madri.
Esprimiamo, altresì, la nostra benevolenza a colui che con impegno, dedizione e determinazione ha perseguito ai fini della propria azienda, garantendo alle proprie dipendenti una sicurezza lavorativa”. La lettera si conclude con la frase “Per questo e altro, GRAZIE!”, con di seguito le firme di tutte le dipendenti.

Per migliorare il rapporto con il capo

“Clima aziendale: crescere dando voce alle persone” è una guida utile su come gestire il lavoro dei propri dipendenti e favorire la loro crescita personale all’interno dell’azienda.

Un utile strumento per comprendere l’ambiente di lavoro in cui si realizzano rapporti tra capo e dipendente e tra colleghi e che illustra i metodi per migliorare il clima aziendale.

“Responsible leadership: Creare benessere, sviluppo e performance a lungo termine” disponibile anche in formato kindle, sulla base di testimonianze, descrive i diversi modelli che hanno rivoluzionato il ruolo del manager in azienda. Un manuale completo che mostra il nuovo concetto di leadership e fornisce indicazioni su come consolidare una strategia di successo nel lungo termine.

Per una presentazione unica al proprio datore di lavoro ecco “Come puoi essere unico e ottenere così il lavoro dei tuoi sogni: Come renderti irresistibile agli occhi del tuo futuro datore di lavoro” che indica i fattori di successo per distinguersi da un comune dipendente. All’interno di questo manuale vengono illustrati i diversi modi per presentarsi ad un datore di lavoro durante un colloquio e sviluppare eventuali strategie per emergere.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

aprire partita Iva
Economia

Quando conviene aprire partita Iva

di Notizie

Aprire o non aprire partita Iva? Se questo è il dilemma che vi tormenta, ecco una guida veloce per cercare di districarvi nel mondo delle prestazioni occasionali.