Come semplificare funzioni polinomiali

Scuola

Come semplificare funzioni polinomiali

Le funzioni polinomiali sono funzioni composte da più termini noti come monomi, che contengono variabili e costanti. Nella maggior parte dei casi, i polinomi devono essere semplificati per rendere più facili i calcoli, in quanto potrebbe essere difficile da gestire nella loro forma originale. Il processo di semplificazione è semplice e prevede la combinazione di termini dello stesso valore fino a quando una forma favorevole della funzione viene raggiunta. Il grado di un monomio è calcolato utilizzando la potenza di ogni variabile.


istruzioni

1. Calcolare il gardo di ogni monomio sommando la potenza delle variabili che fanno parte della sua struttura. Ad esempio, “2*x^2*y^3” ha un grado di 5, mentre “5y” ha un grado di 1.

2. Posizionare i monomi dal più alto al più basso rispetto al grado calcolato nel passaggio precedente. Per monomi i con lo stesso valore ma potenze differenti per ciascuna variabile, consideriamo quello con una potenza superiore nella prima variabile come maggiore.

Ad esempio, il 2*x*y + 2*x^2*y^3 — 2*x^3*y^2 + 8*x*y^8 + 3 *x*y = 0″ dovrebbe essere cambiato in “8*x*y^8 — 2*x^3*y^2 + 2*x^2*y^3 + 2*x*y + 3 *x*y = 0.”

3. Aggiungere i monomi identici. I monomi identici possono avere lo stesso grado e la stessa potenza per tutte le variabili. Notarli è facile dopo aver eseguito il passo precedente, in quanto sitrovano fianco a fianco. Per esempio, sopra diventa”8*x*y^8 — 2*x^3*y^2 + 2*x^2*y^3 + 5*x*y = 0″ dopo questo passaggio finale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

pillar-capitals-2367488_960_720
Storia

I tre ordini architettonici greci

22 agosto 2017 di Notizie
Gli ordini architettonici  sono la più grande invenzione introdotta dai Greci nell'arte della costruzione. Tale invenzione risponde principalmente all'esigenza di eliminare qualsiasi forma di casualità nella realizzazione di un edificio.