Come servire gli spaghetti al pesto COMMENTA  

Come servire gli spaghetti al pesto COMMENTA  

Il pesto è una delle salse che sono sopravvissute dal Medioevo,quando i dadi sono diventati un addensante comune.Unisci pinoli,aglio,olio d’oliva e un buon formaggio parmigiano con una grande quantità di basilico,facendo un pasta molto aromatica.La salsa calza bene,quindi offre l’opportunità di preservare il sapore fresco dell’estate del basilico,ai mesi freddi.Il pesto richiede un’ulteriore preparazione,una volta fatto o scongelato,la pasta col pesto è una pasto veloce e conveniente in qualsiasi momento.

Cose che vi serviranno

  • Una casseruola da 6 persone
  • Sale
  • 1 Kg.di spaghetti di buona qualità.

Istruzioni

  1. Portare 5 litri di acqua a ebollizione in una pentola da 6 persone.Aggiungere 1 kg.di spaghetti,mescolando subito con un cucchiaio di legno per evitare che i fili della pasta si incollino.
  2. Cuocere gli spaghetti per 8-10 minuti,come indicato sulla confezione,o fino a quando assaggiate non è al “dente”.Ciò significa che gli spaghetti sono giusti al dente e hanno una consistenza dura ma masticabile.
  3. Scolare la pasta tenendo da parte 3/4 di tazza d’acqua di cottura in una ciotola.Prima di mettere nel piatto,mescolate 3-4 once di pesto fino a quando non è ben amalgamato.Aggiungere lentamente l’acqua di cottura in piccole quantità,continuando a girare la pasta,fino a quando il pesto è ben liscio e ha raggiunto una consistenza cremosa.
  4. Mettere gli spaghetti in un grande vassoio preriscaldato o nei singoli piatti.Guarnire con una spolverata di parmigiano grattugiato e una foglia o due di basilico fresco.Servire con parmigiano supplementare sul lato dei commensali per un ulteriore aggiunta.

Consigli e avvertenze

Un pesto tradizionale è fatto con basilico fresco,ma molte ricette sono ora disponibili per variare il tema.Sentitevi liberi di  sperimentare con qualunque ingrediente fresco e di stagione.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*