Come si fa un saggio breve? COMMENTA  

Come si fa un saggio breve? COMMENTA  

Il saggio breve è uno dei componimenti richiesti per il tema di italiano alle scuole superiori. Per la riuscita del compito, è necessario seguire qualche semplice accorgimento. In genere per fare un saggio breve si parte, oltre che dalla traccia specifica, anche da una serie di citazioni, testi, fotografie, dipinti, documenti vari che servono ad inquadrare meglio l’argomento.


In un saggio breve può capitare che sia necessario esporre in maniera chiara e dettagliata il contenuto di due tesi diverse, o in alternativa di una soltanto. I documenti in possesso vanno esaminati uno per volta senza però perdere troppo tempo, piuttosto è importante mettere in evidenza le parti più rilevanti che rendano l’idea di quello che l’autore vuole trasmettere.


Le tesi vanno individuate e descritte nei dettagli, impostando il saggio breve in modo da appoggiare una di queste e motivando perché si è d’accordo con una piuttosto che con un’altra. Naturalmente la tesi “sposata” andrebbe appoggiata e surrogata dai documenti in possesso: non ha senso fare questo se non si hanno argomenti validi per sostenerla. A questo punto, non resta che convincere il lettore della validità ed efficacia della tesi, impostando un discorso che sia facile e scorrevole da capire per tutti.


Il saggio breve va perfezionato in base al target cui si riferisce: se dovrà esser pubblicato su una rivista specialistica, per esempio, sarà necessario adottare un lessico piuttosto specifico e tecnico. Per non sbagliare l’assegnazione di un titolo al saggio breve è consigliabile rileggerlo più volte con attenzione: è preferibile che il titolo contenga riferimenti espliciti alla tesi che nel saggio viene sostenuta.

L'articolo prosegue subito dopo


Il saggio breve può essere arricchito di pareri personali, ma bisogna evitare l’utilizzo della prima persona ed un tono troppo colloquiale. Oltre al corpo del lavoro, altrettanta importanza rivestono l’introduzione e la conclusione, che servono al lettore per chiarire l’argomento trattato. C’è sempre il rischio di finire fuori traccia, quindi attenzione a non spaziare eccessivamente con il tema: può servire scrivere una “scaletta” di argomenti da affrontare in ordine di priorità e importanza.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*