Come si formano le valanghe

Guide

Come si formano le valanghe

E’ molto più facile se si pensa che dopo una nevicata il manto agisce come una massa unica, sottoposta al suo stesso peso, alla pendenza dei versanti, alle forze che si aggiungono, come quella dovuta alla presenza di sciatori. In questo caso la massa può istantaneamente rompersi e generare una valanga. Ogni massa di neve ha caratteristiche diverse. In particolare è pericoloso quando neve cade su un suolo già consolidato o ghiacciato, con valanghe di superficie dette slavine, specialmente se la neve è molto umida. Anche l’azione del vento può innescare una valanga, ma la cosa peggiore è forse uno sciatore che faccia movimenti brusci o decida di attraversare trasversalmente un pendìo fuoripista. Le condizioni di freddo ovviamente riducono il rischio di valanghe, e analogamente a quanto accade per le frane, la presenza di ostacoli naturali quali alberi ne riduce il rischio, insieme anche alla presena di rocce e sassi. E’ consigliabile attendere un certo periodo dopo una nevicata in modo che si verifichino le condizioni di metamorfismo dei cristalli di ghiaccio, cioé l’assestamento che avviene con modificazione chimica., che ha ripercussioni importanti dulla stabilità.

Le valanghe come detto possono essere superficiali o di fondo, a seconda che interessino uno, pochi strati, o tutto il manto. In base al tipo di movimento si classificano in valanghe aeree, nubiformi, radenti, terrestri. La velocità di caduta arriva a 300 km/h e oltre.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*