Come si gioca ai giochi di ruolo da tavolo COMMENTA  

Come si gioca ai giochi di ruolo da tavolo COMMENTA  


Quando si parla del termine “giochi di ruolo”, le persone solitamente l’associano ai videogiochi, ma ancora prima che il computer divenisse accessibile a tutti, c’erano già grandi giochi di ruolo, conosciuti meglio come “giochi di ruolo da tavolo”. L’essenza di questi giochi è che i giocatori illustrano le loro azioni o i loro personaggi, parlando. Le loro azioni sono regolate da un sistema di norme e di linee guida, ma a parte queste, i giocatori hanno la libertà di improvvisare la conclusione del gioco. Un altro aspetto interessante è che i personaggi sono caratterizzati dai giocatori, in base alle proprie preferenze. Il gioco prevede l’invenzione di una trama, giocatori e un narratore, e può essere ambientato ovunque vogliate.


E, come tutti i giochi, i giochi di ruolo da tavolo possono essere descritti meglio dal gioco stesso, perciò ecco alcune regole per giocare bene.


Riguardo all’occorrente, avrete bisogno solo di matite, carta, dadi e, naturalmente, voglia di giocare.

Avrete bisogno di almeno tre persone: due giocatori e un narratore. I giocatori dovrebbero fungere da personaggi e il narratore dovrebbe essere qualcuno particolarmente bravo a raccontare storie.


Scegliete un gioco in base agli interessi dell’intero gruppo. Preferite i giochi di ruolo fantasy, di fantascienza o quelli più contemporanei, come i thriller, i gialli o gli horror? Ci sono giochi di ogni genere, dipende dal tipo di avventura che preferite. Visitate un negozio del posto o fate una ricerca online.

L'articolo prosegue subito dopo


Pensate a una storia interessante, usate la vostra immaginazione e la vostra creatività. In realtà, questo dovrebbe essere il compito del narratore, ma non sarebbe affatto male se anche i giocatori partecipassero. Il processo di inventare una trama è strettamente connesso con quello di inventare i personaggi. Ogni giocatore dovrebbe inventare un personaggio che lo rappresenti nel gioco. E’ utile dire che creare un personaggio completamente diverso è utile per rendere il gioco meno prevedibile e più interessante. Apritevi alle vostre ambizioni segrete e lasciate uscire la persona che giace dentro di voi.

Abbiamo detto che avrete bisogno di carta, matite e dadi. Le matite e la carta serviranno per registrare i dati dei personaggi, l’equipaggiamento e le abilità, nonché per prendere nota dei punti guadagnati. Il tipo di dadi dipende dal tipo di gioco scelto. Alcuni giochi prevedono quelli a quattro lati, altri quelli a sei, otto, dieci, dodici o, addirittura, venti lati. L’obiettivo dei dadi è quello di decidere che cosa succederà nel gioco o le azioni che i personaggi dovranno compiere (più precisamente, di aiutare i giocatori nelle decisioni da prendere).

La cosa finale è il gioco stesso. Tutti i giocatori dovrebbero cercare di immedesimarsi nel loro personaggio. Dovrebbero immaginare di avere lo stesso aspetto, di parlare e di agire come loro. All’inizio potrebbe essere difficile, ma dopo un po’tutti si rilasseranno e sarete pronti a immergervi nel fantastico mondo dei giochi di ruolo da tavolo.

Leggi anche

matteo achilli
Tecnologia

Intervista a Matteo Achilli: Egomnia, startup e dubbi

Matteo Achilli è un imprenditore italiano di 25 anni che nel 2012 ha fondato Egomnia, una piattaforma per chi cerca e offre lavoro. Appena ventenne, si è conquistato la copertina di Panorama Economy, che lo ha battezzato l’ “Italian Zuckerberg”. A distanza di 5 anni la società non decolla, le polemiche invece spiccano il volo. Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*