Come si raccoglie la melissa citronella per farne una tisana? COMMENTA  

Come si raccoglie la melissa citronella per farne una tisana? COMMENTA  

Essendo un membro della famiglia della menta, la melissa officinalis, o melissa citronella, è una pianta perenne che cresce fino a 60 cm. La melissa somiglia alla menta per il verde brillante delle foglie che possono essere raccolte e essiccate per farne una tisana.

Leggi anche: Ricetta Daiquiri (11)


Tisana con melissa citronella

Raccolto

Le foglie di melissa citronella possono essere raccolte direttamente dalla pianta e usate per fare una tisana. Tagliate i rametti vicino alla base della pianta e staccatene poi delicatamente le foglie. Le foglie intere possono essere congelate per un utilizzo successivo.

Leggi anche: Ricetta Affair


Essiccazione

Tagliate vari rami di melissa vicino alla base della pianta, legateli insieme e appendeteli in un posto caldo e ventilato a essiccare. Staccate poi le foglie e gettate i rametti. Le foglie essiccate possono essere conservate a lungo in un contenitore con coperchio.


Ora della tisana

Ponete varie foglie fresche o essiccate in fondo ad una teiera. Aggiungete l’acqua bollente e lasciate in infusione per 5 minuti.

L'articolo prosegue subito dopo

Filtrate le foglie e aggiungete miele per dare sapore e servite. Per una tisana fredda, lasciate raffreddare la tisana e aggiungete dei cubetti di ghiaccio.

Leggi anche

bootloader
Guide

Come sbloccare bootloader Android

Strumento di sicurezza, ma anche freno alla creatività e limite alle necessità dei singoli utenti: signore e signori, il bootloader (e come sbloccarlo). Che cos'è un bootloader? Il termine in questione sta diventando familiare soprattutto tra gli utenti di smartphone, in particolare quelli che montano un sistema operativo Android, semplicemente perché è quello più "conveniente" da sbloccare, soprattutto per le possibilità che tale sistema operativo fornisce nell'ambito della personalizzazione del proprio dispositivo per mezzo dell'installazione di programmi non autorizzati. In realtà, ogni dispositivo che funziona grazie all'interfaccia fornita da un sistema operativo - quindi anche un comune PC - dispone Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*