Come sopravvivere facendo lo scrittore freelance COMMENTA  

Come sopravvivere facendo lo scrittore freelance COMMENTA  

Per tutta la mia vita non ho fatto altro che scrivere sugli argomenti più svariati, partecipando ai forum online, rispondendo a richieste di aiuto o postando opinioni su prodotti di consumo. Ad un certo punto ho deciso di farne una specie di professione. Lo so che è molto rischioso, ma presenta anche dei vantaggi, si può fare quando vuoi e dove vuoi. Per una settimana mi sono tuffata nel mercato del lavoro online, naturalmente cercando di mantenermi su lavori piuttosto facili.


Con mia grande sorpreso ho avuto delle risposte, e così ho ottenuto il mio primo contratto. In seguito ce ne sono stati altri. Trovo il tutto così eccitante da pensare di fare questo lavoro per tutta la vita!. Consiglio a tutti di non esitare mai nel provare a realizzare un’aspirazione; bisogna provarci, vedere se è possibile. La vita è troppo breve per restare ad aspettare che le cose avvengano da sole.


Essendo una scrittrice freelance piuttosto pivella, il guadagno non è dei più alti. Ma penso di avere molto da dire, ho un’ambizione più grande di me. Credo che un certo livello di ambizione sia di aiuto in questo lavoro, ciò che spinge a mettersi alla prova e mostrare quanto si vale. Se non c’è questa spinta, nessuno saprà mai cosa hai da dire.


Sento di avere una buona comunicativa, con una discreta capacita dialettica; sono in grado di ascoltare gli altri e rispondere in modo appropriato, fare ricerche e condividerle. Ho una smodata passione per gli eventi di attualità, specialmente quelli che mi riguardano maggiormente. Siamo in un paese libero, perciò alziamoci ed esprimiamo la nostra opinione! A seguito di un’oculata ricerca tra le offerte online, mi ritrovo a scrivere su una grande varietà di argomenti, storie, recensioni di giochi, blogs e giornali online.

L'articolo prosegue subito dopo


Mi sento privilegiata ad avere l’opportunità di potermi esprimere liberamente ed essere anche pagata per farlo! Ha ha!

Spero di non avervi annoiato troppo.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*