Come sposarsi in comune senza testimoni COMMENTA  

Come sposarsi in comune senza testimoni COMMENTA  

matrimonio
matrimonio

Come sposarsi in comune senza testimoni. È possibile? Ecco una guida semplice e chiara per capire qualcosa in più riguardo al matrimonio.

Come sposarsi in comune senza testimoni? Se lo chiedono in tanti e ora vediamo di dare una risposta a questo quesito.


Sia nel rito civile che in quello religioso hanno notevole importanza i testimoni. Non è quindi possibile celebrare un matrimonio senza queste figure importanti.

Essi infatti hanno il compito, come dice il nome, di testimoniare e attestare formalmente e giuridicamente che durante il rito sono stati letti tutti gli atti, in particolare gli art. 143, 144 e 147.


I testimoni devono essere scelti con cura, sono solitamente persone care agli sposi, come fratelli e sorelle o gli amici del cuore ed è fondamentale che abbiano alcuni requisiti.


Nello specifico: devono essere in possesso dei diritti civili e quindi è necessario che i testimoni siano di cittadinanza italiana, maggiorenni e in grado di intendere e di volere.

L'articolo prosegue subito dopo


La celebrazione avviene da parte dell’Ufficiale di Stato civile che per l’occasione deve indossare la fascia tricolore. Può essere però celebrato anche da qualunque cittadino italiano maggiorenne, quindi in Italia è possibile far sì che sia un vostro amico a celebrare la coronazione del vostro amore.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*