Come stare bene con l’olio d’oliva COMMENTA  

Come stare bene con l’olio d’oliva COMMENTA  

Se usi abitualmente l’olio d’oliva, complimenti, non potevi fare una scelta migliore. Infatti emergono continuamente nuovi benefici apportati da questo tipo di olio. Se ancora non lo usi, credimi, metterlo in cima al tuo regime dietetico potrebbe essere la tua scelta vincente per il 2013! Secondo i dottori Mehmet Oz e Michael Roizen, l’olio d’oliva è una miniera di fattori salutari.


L’olio d’oliva deve essere considerato una fucina di omega 9. Ricerche mediche dimostrano che il suo consumo riduce il rischio di cancro, protegge da ictus, mantiene ossa e denti forti, riduce il rischio di problemi cardiaci e bilancia i livelli di zucchero nel sangue,

I “superpoteri” dell’olio d’oliva derivano dall’acido oleico. Tra il 55 e l’80 per cento dei grassi in esso contenuti è costituito da acido oleico, un Omega 9 che abbassa il colesterolo LDL, mentre incrementa i livelli di colesterolo buono HDL. Poichè l’olio d’oliva è in grado di bilanciare il livello di glucosio nel sangue, può ridurre la quantità di farmaci necessari ai malati di diabete di tipo II.


Due cucchiai al giorno di olio d’oliva possono diminuire il rischio di malattie cardiache del 44%, ridurre il rischio di infarto del 35%.

Inoltre l’olio d’oliva protegge dal cancro del sistema digestivo e respiratorio e può ridurre del 38% il rischio di cancro al seno nelle donne.

L'articolo prosegue subito dopo

E’ impressionante!

Puoi scegliere il modo di consumare la tua razione giornaliera di olio. C’è chi preferisce ingerirne due cucchiai ogni mattina, e c’è chi invece lo usa al posto del burro. E’ particolarmente buono come condimento sulle insalate, sulle bruschette, e ovunque tu voglia metterlo, il risultato sarà sempre buono (non sul caffè).

Anche per cucinare l’olio d’oliva sostituisce egregiamente qualsiasi altro tipo di olio (o burro), sia per gusto che per effetti salutari.

Leggi anche

Linkedin: cos'è Lynda
Guide

LinkedIn: come si può chattare

Tutta la procedura per scoprire il lato "frivolo" di LinkedIn e chattare liberamente con i propri contatti. Abbiamo già parlato di LinkedIn in precedenza: in particolare, vi avevamo illustrato cinque buone ragioni per iscriversi a Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*