Com’è stato l’andamento del mercato dell’auto in Italia nel 2011? COMMENTA  

Com’è stato l’andamento del mercato dell’auto in Italia nel 2011? COMMENTA  


Il 2011 ha marcato un segno negativo per l’immatricolazione di auto in Italia, in cifre ci sono state 1.748.143 nuove immatricolazioni rispetto alle 1.961.579 del 2010. In mezzo a queste cifre tuttavia le case automobilistiche italiane hanno mantenuto risultato analoghi a quelli degli anni precedenti. Il gruppo Fiat ha visto 514.500 nuove immatricolazione occupando il 29,4% del mercato italiano, quindi non si è scostata molto dai dati del 2010, Alfa Romeo ha incrementato i risultati di vendita del 12% e aquisendo una quota di mercato pari a + 0,7 punti, mentre Lancia ha acquisito +0,4 punti. Le auto più vendute in Italia continuano a essere le auto del Fiat Group Automobiles (Fga) che hanno collocato al vertice delle vendite i modelli Punto, primo posto, e Panda, secondo posto, mentre tra le prime dieci classificate si trovano Fiat 500, Lancia Ypsilon e Alfa Romeo Giulietta.

Leggi anche: Auto in uscita nel 2017

Fiat ha consolidato anche quest’anno, per il decimo anno consecutivo,la leadership anche sul mercato brasiliano dove ha immatricolato e venduto 754.276 unità, tra automobili e veicoli commerciali.

Leggi anche: Alfa Romeo: la Giulietta nel nuovo allestimento Distinctive con Style Pack

Leggi anche

Italia in bolletta: il 60% non paga il mutuo o l'affitto
Economia

Italia in bolletta: il 60% non paga il mutuo o l’affitto

In Italia aumentano le famiglie che non riescono a pagare la rata del mutuo e dell'affitto. Il numero di chi non arriva fine mese ha toccato il picco massimo degli ultimi 11 anni.   Circa il 5,4% delle famiglie italiane non paga regolarmente la rata del mutuo o la quota dell’affitto. Sempre più italiani  in `bolletta´, un valore che è cresciuto notevolmente e che nel 2015 ha raggiunto il livello massimo del decennio. Questi i risultati dell'indagine all'Istat sulle condizioni di vita, un indagine che evidenzia chiaramente che il 60% degli italiani fa fatica a effettuare regolarmente i pagamenti e Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*