COME TENERE UNA MEMORABILE LEZIONE DI HATHA YOGA A PRINCIPIANTI - Notizie.it

COME TENERE UNA MEMORABILE LEZIONE DI HATHA YOGA A PRINCIPIANTI

Donna

COME TENERE UNA MEMORABILE LEZIONE DI HATHA YOGA A PRINCIPIANTI

YOGA
Imparerai come garantire ad un principiante di sentirsi bene così che torni per nuove lezioni di Hatha Yoga.
ISTRUZIONI:
1) E’ necessario un luogo carino, confortevole e sereno per i tuoi allievi. Dai il benvenuto a tutti gli allievi e fai presente ai nuovi che possono scegliere un corso di 5 o 6 settimane o qualsiasi altra durata tu decida di dare al corso. Lascia che gli allievi si presentino con poche parole e frasi su se stessi e sul perchè hanno deciso di fare yoga. Questa condivisione aiuta i nuovi a relazionarsi con gli altri.
2) Di solito si può offrire una lezione gratuita alla fine di un corso di 5 settimane e fare un pò di sconto se l’allievo decide d’iscriversi ad un corso successivo. Spiegagli che un corso di 5 settimane può dargli un’idea per capire se lo yoga è ciò che fa per lui e se lo aiuta in quel momento.

Dagli modo di avere un pò di tempo solo per loro, così che possano scegliere cosa fare e possano dirti se hanno qualche problema fisico per cui sia necessario che tu riveda alcune asana per loro. E’ il caso di chiedere comunque un certificato medico a tutti.
3) Iniziare solitamente con SAVASANA, con l’intenzione di far distaccare gli allievi dai loro problemi e dalle preoccupazioni che devono lasciare fuori! Una volta che entrano nella camera di yoga, devono avere in mente solo yoga, nel corpo e nello spirito! Scegliere un MANTRA che puoi condividere con loro mentre siete in SAVASANA, che sia dolce, rilassante, gentile.
4) Ci vogliono almeno 7 o 10 minuti per raggiungere la posizione, rimanere nella posizione e uscirne. E’ meglio farli girare sul loro lato destro, piegando le ginocchia al petto così che il cervello e il corpo siano più uniti.
5) Spiega sempre cosa è lo yoga, quali sono i suoi benefici per tutto il corpo, la mente e lo spirito.

Lascia loro un foglio con le asana che hai insegnato e praticato facendole ripetere 3/4 volte. Controlla chi ha problemi a fare una certa asana. Chiedi il permesso di poterli aiutare, aggiustando il loro corpo e i loro arti.
6) All’inizio è meglio dividere il SALUTO AL SOLE – SURYA NAMASKAR – in 4 parti, lavorando sulla prima per tanto tempo quanto sia quello necessario affinchè tutti lo facciano bene. Durante le 5 settimane, aggiungere nuove posizioni e le 4 asana successive del Saluto al Sole. Non paragonare mai un allievo all’altro. Li devi incoraggiare a lavorare secondo le proprie possibilità. Devi assicurali che non ci sono gare tra loro!
7) A volte chiedi un volontario per mostrare loro il movimento che hanno problemi nel fare: ciò aiuta i nuovi a non sentirsi soli e in difficoltà e che con un piccolo sforzo possono farcela. E’ bello avere allievi che condividono i propri progressi con gli altri e incoraggiali a dare il massimo che possono, senza però troppa pressione.
8) Lascia tempo per fare delle domande, discussioni relative alle asana.

Incoraggiali a muovere da soli i primi passi per entare ed uscire da una posizione.
9) Concludi la lezione con il rilassamento in savasana, musica soft oppure con OM, mentre loro tengono gli occhi chiusi. Poi falli tornare con la mente nella stanza, falli sedere in una posizione seduta con gambe incrociate. Dai loro il foglio con le asana da praticare a casa. Dai il tuo numero di telefono qualora ne abbiano bisogno per farti domande e dai loro disponibilità per qualsiasi dubbio. Se non possono venire ad una lezioni, digli di avvisarti e fai recuperare la lezione persa: è una cortesia per l’insegnante farle sapere se ci saranno o meno. Ringraziali per l’attenzione, i loro sforzi e il loro impegno.
10) Offri una lezione gratuita se portano un amico/a, parente o collega.
11) Termina con NAMASTE’. Le mani giunte nella posizione di preghiera al centro del chakra del cuore, la testa è piegata con grazia e gratitudine quando si ripete NAMASTE’. Una libera traduzione: m’ inchino al Cristo bambino che c’è in te e in me stesso, oppure m’inchino al Buddha che c’è in te come in me oppure m’inchino allo Spirito che c’è in te e in me.

CONSIGLI E AVVERTENZE
– Fai un’assicurazione in caso di qualsiasi incidente possa accadere a te o ai tuoi allievi.
– Acquista mattoncini, attrezzi, tappetini o tappeti da mettere nella stanza per evitare incidenti.
– Mostrati felice, tranquillo, concentrato e calmo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche