Come trattare i capelli con l'aceto di mele - Notizie.it

Come trattare i capelli con l’aceto di mele

Guide

Come trattare i capelli con l’aceto di mele

Se combatti con i capelli grassi, sai quanto può essere frustrante il problema. Lavarli costantemente sembra l’unica soluzione, ma tutto quello che si ottiene è peggiorare la situazione. Il problema non sono i tuoi capelli ma le ghiandole del cuoio capelluto che producono molto sebo. Sciacquare i capelli con l’aceto di mele è un metodo sicuro ed efficace per assorbire il sebo e rimuovere i residui di shampoo senza irritare ulteriormente le ghiandole del cuoio capelluto. La calendula addolcisce l’odore e i tuoi capelli.

Cose di cui hai bisogno

  1. 1 cucchiaino di calendula secca
  2. 1 pinta di acqua bollente
  3. 1 cucchiaino di aceto di mele
  4. una piccola bottiglia spray

Istruzioni

  1. Metti la calendula secca in una ciotola e versa l’acqua bollente. Falla macerare per circa 10 minuti, poi scola l’acqua.
  2. Metti l’aceto di mele e l’acqua ottenuta in una bottiglia spray vuota. Avvita il tappo sullo spray e agita il contenuto.
  3. Lava i capelli nel solito modo.

    Dopo aver sciacquato il balsamo, spruzza l’aceto sui capelli. Assicurati di spruzzarlo soprattutto sul cuoio capelluto, poichè la maggior parte del sebo si forma alla base del capello.

  4. Sciacqua l’aceto dai capelli. Inclina la testa all’indietro per evitare che l’aceto finisca sugli occhi.
  5. Pettinati nel solito modo. Evita di usare prodotti come gel o mousse se è possibile. Questi prodotti fanno solo sembrare i tuoi capelli più grassi e lucidi.
  6. Ripeti il trattamento una volta la settimana o seconda del bisogno.

Consigli e avvertimenti

Se l’aceto ti va negli occhi, sciacqua bene con acqua calda finchè il bruciore cessa.

Se non trovi la calendula secca, usa al suo posto la verbena. Anche se non ha le stesse proprietà addolcenti, darà comunque un buon odore.

Non sciacquare mai i tuoi capelli con l’aceto di mele senza prima diluirlo. Può danneggiare i capelli e il cuoio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*