Come usare Sharkscope

Guide

Come usare Sharkscope

Il sito mette a disposizione degli utenti un gigantesco database con i bilanci e i dati relativi alla quasi totalità dei players online. Ma andiamo con ordine e cominciamo a vedere in che modo è possibile utilizzare le risorse dello “squalo”.

Infatti, dopo aver cliccato su cerca database, inserendo nell’apposito pannello il nickname e la poker room di riferimento (o il network) del giocatore che si desidera “monitorare”, si avranno a disposizione una serie di voci molto interessanti. Innanzitutto il dato relativo alle partite giocate, poi quello riguardante il guadagno medio in ogni singolo game, quindi lo stake medio (il valore medio dei buy in pagati).

La parte successiva del prospetto è forse la più interessante, con il dato relativo al ROI, ovvero il ritorno medio dell’investimento (calcolato in base ad una formula che tiene conto di payouts, rake e stake) che rappresenta già un buon indice per valutare la nostra “abilità” ad un certo livello; segue il totale del guadagno (o del passivo) ottenuto nelle partite, quindi il modulo, ovvero il “momento di forma” (sul quale ritorneremo), infine il valore che indica “l’abilità” (un numero fino a 100 calcolato in base alla somma delle varie statistiche) e quindi la rete (il network) ed il filtro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*