Come verificare la presenza di salmonella COMMENTA  

Come verificare la presenza di salmonella COMMENTA  

La salmonella descrive una comune infezione batterica che colpisce l’intestino. Il batterio può essere trovato in uova crude, pollo, carne contaminata o acqua. Causa i sintomi di un giorno o due in seguito all’esposizione. Il controllo della salmonella è di fondamentale importanza, in quanto la salmonella non curata può portare a complicanze come l’artrite reattiva, la meningite, e problemi cardiaci.

Leggi anche: Al via il Congresso della Società italiana di cardiologia: è allarme scompenso cardiaco



istruzioni

1 Verificare la presenza di sangue nelle feci. Questo è un sintomo comune di una infezione da salmonella.

2 Misurare la febbre. Mentre il vostro corpo cerca di combattere una infezione da salmonella, la temperatura corporea aumenta e si presenta come una febbre. La temperatura corporea media è di 98,6 gradi F, anche se può variare da persona a persona.

Leggi anche: Uno studio di Oxford ha dimostrato che non c’è relazione tra infelicità e problemi di salute


3 Ripensa a quello che hai mangiato di recente. Se hai mangiato pollame crudo, carne cruda, si può essere infettati da salmonella.

4 Consultare un medico per avere un campione di sangue o di feci.

Non si può definitivamente auto-diagnosticare una infezione da salmonella, in quanto i sintomi di cui sopra possono essere causati da altri fattori.

Leggi anche

frutta-secca-proprieta-e-benefici
Salute

Frutta secca: calorie e colesterolo

La frutta secca è un alimento salutare che andrebbe consumata più spesso, tra un pasto e l'altro, come spuntino: tanti i suoi benefici e proprietà. Durante le festività di Natale e Capodanno è diffusa l’abitudine di consumare ai pasti la frutta secca. Tale usanza deriva forse dal fatto che, qualche tempo fa, la frutta secca era considerata un alimento di lusso e che si trovava raramente in commercio. Oggi invece tutti i nutrizionisti sono concordi nel ritenere che la frutta secca fa bene e, per questo, andrebbe consumata più spesso. In particolare, il momento ideale per mangiarla è tra un Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*