Come visitare Rodi in 6 giorni

Guide

Come visitare Rodi in 6 giorni

Il primo giorno visitare una delle tappe più caratteristiche della città: la città di Lindos. Questa città con le sue case bianche e blu la rendono la più caratteristica dell’isola. La città offre colori belli anche dopo il tramonto e molti locali caratteristici.

Il secondo giorno visitare la Baia di Anthony Quinn, situata nella zona centrale dell’isola. Questa baia è caratterizzata, oltre che dai suoi mille colori dalle sue mille insenature tra le rocce.

Il terzo giorno è d’obbligo la valle delle farfalle. In un bosco all’interno dell’isola si trova un parco in cui è possibile vedere moltissime farfalle. Sempre all’interno di questo parco si trova un cavidotto sotterraneo costruito ai tempi di Mussolini, percorribile a piedi, che porta in un lago naturale immerso nella macchia mediterranea.

Il quarto giorno: all’estremo sud di Rodi c’è un isolotto collegato alla terraferma da una lingua di sabbia che crea una laguna naturale In questo posto c’è sempre vento, ed è per questo che vi sono sempre accampati tutti gli appassionati di kite-surf; arrivando infatti, ancor prima di vedere la spiaggia, si vedono nel cielo moltissimi aquiloni dei surfisti.

Il quinto giorno Rodi città: tappa culturale.

Vedere il porto e l’acropoli, al cui interno vedrete costruzioni di stili e civiltà diverse tra loro.

Ultimo giorno all’insegna del mare; sull’altra costa vicino a Monolithos, nella zona centrale c’è un arcipelago vicino alla costa. Qui si trovano anche le rovine di una vecchia costruzione e nei dintorni ci sono molte spiagge in cui potersi fermare a fare bagni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*