ComeDì, la Commedia dell’Arte sbarca a Napoli

Cultura

ComeDì, la Commedia dell’Arte sbarca a Napoli

Il 25 febbraio è dedicato alle celebrazioni della Giornata Mondiale della Commedia dell’Arte. Questa giornata ha un valore simbolico importantissimo per chiunque lavori nel mondo dello spettacolo o semplicemente per chi ama il teatro. Il Commedia dell’Arte Day, infatti, è celebratocon manifestazioni in tutto il mondo. Basti pensare che la capitale mondiale designata per i festeggiamenti di quest’anno è Sidney.

Quest’anno il 24, 25 e 26 febbraio la Commedia dell’Arte arriva anche a Napoli. L’Associazione EXTRAVAGANTES, infatti, ha organizzato “ComeDì, I giorni della Commedia dell’Arte”. Noemi Giulia Fabiano, Flavio Visone e Antonio Gargiulo, membri del direttivo Extravagantes, hanno organizzato questo ciclo di conferenze, workshop e una serata di Gala aventi a tema la Commedia dell’Arte, la sua gloriosa tradizione e la rilevanza da questa avuta nel panorama della cultura napoletana e meridionale.

“Con “ComeDì” abbiamo intenzione di riportare Napoli alla legittima ribalta di Capitale del Teatro, prezioso e raro incubatore di talenti ed esperienze e prolifico habitat naturale per ogni proposta teatrale. Già da questa edizione, cui ci auguriamo seguiranno tante altre, siamo riusciti a invitare a Napoli alcuni tra i più importanti esponenti del Teatro dell’Arte, maestri di caratura internazionale e indiscussa fama. Questo è stato possibile grazie al fattivo supporto dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, il sostegno della Fondazione Banco di Napoli e importanti sinergie con le realtà presenti sul territorio.” Antonio Gargiulo – direttore artistico

Il convegno accademico, dal titolo “Attrici e Meretrici”, coinvolgerà professori universitari, studiosi, critici ed esponenti del teatro recitato e discuterà della presenza del femminino nel repertorio della Commedia dell’Arte.

Due sono, invece, i workshops intensivi, aperti a giovani professionisti e appassionati. Saranno tenuti dai maestri Contin Arlecchino, Merisi e Boso, per una full immersion nella tradizione di 30 ore complessive nei tre giorni di manifestazione. Grazie alla sensibilità di alcuni operatori economici del territorio, sono disponibili anche due borse di studio a copertura totale del costo dei corsi.

Grazie, poi, alla disponibilità della direzione del Palazzo Reale di Napoli, la sera del 25 febbraio si terrà una serata di Gala dove interverrà, oltre ai maestri già citati, anche Ferruccio Soleri, da 50 anni storico Arlecchino diretto da Strelher.

Il sogno è quello di accompagnare il pubblico, operatori del settore, rappresentanti del mondo accademico e delle Istituzioni alla scoperta del mondo festoso, immaginifico, attualissimo dei personaggi e scenari della Commedia dell’Arte.

Calendario Evevnti

venerdì 24

Luogo: Sala Assoli

9:30 – 14:30 Workshop – “La Nuova Commedia Dell’Arte”con i MaestriClaudia Contin Arlecchinoe Ferruccio Merisi(I Giornata)

Luogo: Nuovo Teatro Sancarluccio

10:00 – 13:00 Convegno – “Attrici e Meretrici” con il Prof. Dario Migliardi

14:30 – 15:30Pausa Pranzo

Luogo: Sala Assoli

15:30 – 19:30 Workshop – “La commedia dell’arte Ieri Oggi e Domani” con il Maestro Carlo Boso(I Giornata)

sabato 25

Luogo: Sala Assoli

9:30 – 14:30 Workshop – “La Nuova Commedia Dell’Arte” con i Maestri Claudia Contin Arlecchino e Ferruccio Meris (II Giornata)

Luogo: Nuovo Teatro Sancarluccio

10:00 – 13:00 Convegno – “Attrici e Meretrici” con il Prof. Dario Migliardi

14:30 – 15:30Pausa Pranzo

15:30 – 19:30 Workshop – “La commedia dell’arte Ieri Oggi e Domani” con il Maestro Carlo Boso(II Giornata)

Luogo: Teatrino di Corte

21:00 – Serata di Gala Interverranno: Ferruccio Soleri, Carlo Boso, Claudia Contin,Arlecchino, Ferruccio Merisi.

sfilata in costume a cura di Maria Pennacchio

conducono Gianmarco Cesario e Floriana D’Ammora

domenica 26

Luogo: Sala Assoli

9:30 – 14:30 Workshop – “La Nuova Commedia Dell’Arte” con i Maestri Claudia Contin Arlecchino e Ferruccio Merisi(Giornata Conclusiva)

14:30 – 15:30Pausa Pranzo

15:30 – 19:30 Workshop – “La commedia dell’arte Ieri Oggi e Domani” con il Maestro Carlo Boso(Giornata Conclusiva)

PROGRAMMI DEI WORKSHOP

LA NUOVA COMMEDIA DELL’ARTE

con i Maestri

Claudia Contin Arlecchino e Ferruccio Merisi

Il seminario intensivo comprende:

✓impostazione pre-riscaldamento delle deformazioni fisiche grottesche della Commedia dell’Arte;

✓il neutro corporeo e le fasce caratteriali espressive del corpo umano;

✓cenni sul comportamento fisico dei tipi fissi della Commedia dell’Arte, servitori, vecchi, innamorati, capitani;

✓impostazione del training fisico e vocale per la Commedia dell’Arte;

✓tecniche ritmiche e spaziali per l’improvvisazione;

✓primi esercizi per l’uso della maschera in cuoio,

✓consigli ed esperimenti per nuovi personaggi di una Commedia dell’Arte Contemporanea.

CLAUDIA CONTIN ARLECCHINO, nota nel mondo come prima donna ad aver reinterpretato il carattere maschile della figura di Arlecchino, uno dei più intriganti personaggi della Commedia dell’Arte. Formatrice e ricercatrice di fama internazionale, artista poliedrica che spazia dalla dimensione attoriale a quella artigianale.

FERRUCCIO MERISI pedagogo e drammaturgo si è occupato di Commedia dell’Arte in modo originale, ritenendola da una parte un imprescindibile capitolo di formazione per l’attore contemporaneo, e dall’altra un fertile e ricco territorio di sperimentazione.

INCONTRO CON LA COMMEDIA DELL’ARTE

con il Maestro

Carlo Boso

Il seminario intensivo comprende:

PRIMA GIORNATA

Teoria: breve storia del teatro italico dal ‘500 al Rinascimento europeo.

La Commedia dell’Arte tra antropologia e storia. Le maschere e la loro funzione rituale.

Pratica : il corpo nello spazio, l’uso della voce, improvvisazione libera e strutturata, studio

SECONDA GIORNATA

Teoria: breve storia dell Commedia dell’Arte nel teatro del ‘600, ‘700, ‘800, ‘900 europeo e sua mutazione nel teatro delle marionette, nell’opera lirica, nel mimodramma, nelle arti del circo e nel terzo teatro.

Pratica : il corpo nello spazio, uso della voce, costruzione della maschera in carta,

improvvisazione libera e strutturata, drammaturgia applicata all’improvvisazione, posture dei « tipi » di commedia.

TERZA GIORNATA

Pratica : linguaggio delle maschere, esercizi di retorica teatrale, postura dei “tipi” di commedia, drammaturgia applicata all’improvvisazione.

CARLO BOSO, formatosi alla scuola del Piccolo teatro di Milano, ha fatto parte della compagnia dell’ ”Arlecchino servitore di due Padroni” con cui ha percorso il mondo per vari anni. Sotto la direzione di Giorgio Streheler ha partecipato a produzioni in Italia e all’estero. Nella sua lunga carriera ha collaborato tra gli altri con Ferruccio Soleri, Peppino De Filippo, Dario Fo, Peter Lociak. Nel 1982 fonda il Tag teatro di Venezia con cui crea degli spettacoli, quali “Scaramuccia”, “La pazzia di Isabella”, “Il falso magnifico”, che hanno contribuito al rinnovo della tradizione della Commedia dell’Arte e alla sua diffusione a livello planetario. Nel 1993 si trasferisce in Francia dove crea, a Versailles, l’Accademia Internazionale delle Arti dello Spettacolo (AIDAS). Sono oltre cinquemila gli studenti che hanno partecipato ai corsi di teatro impartiti da Carlo Boso in tutto il mondo.

BORSE DI STUDIO

Al termine dei tre giorni di lavoro, i Maestri avranno la facoltà di attribuire n.2 borse di studio, messe a disposizione dall’Ottica Sacco, quale totale rimborso dei costi del corso, ad i due allievi che,in base alla valutazione dei loro progressi e potenzialità, si saranno dimostrati più meritevoli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

docce
Scuola

Si scrive doccie o docce?

25 maggio 2017 di Notizie

La lingua italiana nasconde spesso alcuni “tranelli”. La formazione del plurale di alcune parole, come “doccia” appunto, rientra tra questi. Scopriamo la regola grammaticale e le sue eccezioni.

Loading...