Como: polemiche per la commemorazione di Mussolini e la Petacci COMMENTA  

Como: polemiche per la commemorazione di Mussolini e la Petacci COMMENTA  

Una foto di Benito Mussolini e Claretta Petacci affissa in ricordo della loro fucilazione. Il sindaco di Mezzegra accoglie la richieste degli ex Rsi, l’Anpi si oppone: “Gesto gravissimo”.

”E’ un omaggio a una donna coraggiosa”. Replica cosi’ Mario Nicollini, presidente dell’Unione nazionale combattenti di Como della Repubblica Sociale Italiana, alle polemiche per un’iniziativa dedicata a Claretta Petacci.

Leggi anche: American Express, carte di credito con tanti vantaggi


E’ oggetto di forte discussione la decisione del comune di Giulino di Mezzegra (Como) di commemorare Benito Mussolini e Claretta Petacci con l’affissione di una loro foto.


La cerimonia si svolgera’ il 29 aprile (perche’ e’ domenica) in occasione del 67/o anniversario della morte di Mussolini e della sua amante. Come spiega Nicollini, che compira’ 100 anni il 16 agosto: “La nostra richiesta e’ stata presentata per la prima volta 27 anni fa, ora finalmente il comune di Mezzegra ci ha dato l’autorizzazione. ‘Tutti gli anni ci ritroviamo a Mezzegra per ricordare la morte di Mussolini. Quest’anno abbiamo chiesto anche l’intervento del parroco per benedire la croce, dopo che saranno stati aggiunti il nome di Claretta e la foto di entrambi”. Ancora non e’ stato deciso quale immagine sara’ scelta. L’autorizzazione della giunta del paese ha provocato gia’ diverse reazioni contrarie.


La maggioranza di centrodestra del Comune di Mezzegra, guidata dal sindaco leghista Claudia Lingeri, asseconda la richiesta giunta lo scorso 22 dicembre dall’Unione nazionale combattenti della Repubblica sociale italiana.

L'articolo prosegue subito dopo


La scelta di commemorare Mussolini e la Petacci è oggetto di polemiche, soprattutto da parte dell’Anpi che, tramite il proprio presidente, Guglielmo Invernizzi, definisce questa scelta: ” Un gesto gravissimo che mostra l’ignoranza della storia. Il Comune ha fatto una delibera e ha gia’ accolto questa iniziativa: siamo contrari a questa operazione muoveremo tutti i passi istituzionali e cercheremo di impedirlo o di esprimere tutta la nostra amarezza. Nonostante una Costituzione antifascista e’ grave che ci sia ancora qualcuno che aiuti i fascisti in queste manifestazioni”.

Leggi anche

arresto-a-milano
Milano

Operazione anti spaccio a Milano: il video dell’arresto sui Navigli

Scene da film tra le vie di Milano con un triplice arresto in 'diretta' documentato dalle telecamere. Accade sui Navigli dove gli agenti della polizia in borghese hanno pedinato, filmato e arrestato tre persone. L'arresto è avvenuto in via Gola, epilogo di un'operazione della locale diretta dal vice comandante Paolo Ghirardi che ha portato al fermo di un 32enne italiano, R.F., di un tunisino 47enne, M.M. e di un egiziano di 48 anni, O.E.S. I tre sono stati a lungo seguiti ed osservati mentre spacciavano alla luce del sole per le vie di Milano ed una volta raccolto materiale video Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*