Con il figlio autistico in albergo, allontanati dai titolari

Cronaca

Con il figlio autistico in albergo, allontanati dai titolari

Strana vicenda dai contorni tutti da chiarire, quella che arriva da un B&B di Pietra Ligure, in provincia di Savona, Liguria. La struttura è stata scelta da una famiglia con un figlio autistico di 21 anni, costretti però a lasciarla dopo neanche 24 ore proprio a causa della condizione del figlio. Almeno secondo quanto raccontato a L’Eco di Bergamo dalla famiglia bergamasca che ha sottolineato: “prima di prenotare avevamo spiegato alla titolare la nostra situazione. Siamo arrivati l’8 agosto e mai avremmo immaginato che la nostra vacanza sarebbe durata 24 ore”.

La madre ha spiegato che dopo aver passato una giornata al mare e aver cenato sono tornati in stanza dove il figlio, pur tranquillo, continuava a camminare tra la camera e il bagno. Ma, ha sottolineato la donna, “non faceva nè schiamazzi nè urla, ma la titolare, sentendo probabilmente i passi, ha bussato all’improvviso alla porta e, infastidita, ci ha invitato a far cambiare atteggiamento a Fabio e, ci ha intimato, se questo non fosse avvenuto, a lasciare la struttura la mattina seguente.

Ero sconvolta – ha aggiunto la madre – e non ci ho pensato due volte: ho preparato le valigie e siamo ripartiti per tornare a casa”.

La versione dei titolari del B&B però è completamente diversa: “il giovane – hanno sottolineato – ha infastidito i presenti con urla e schiamazzi in pieno giorno e in tarda serata, per questo abbiamo invitato la famiglia a calmarlo. Se questo non poteva avvenire, il mattino seguente avremmo cercato una soluzione alternativa“. La madre ha però replicato: “Non è vero, mio figlio mantiene sempre atteggiamenti discreti, basta chiedere agli esperti del centro che lo seguono da anni”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...