Con il sesso si vive di più, ma con alcuni trucchi

Attualità

Con il sesso si vive di più, ma con alcuni trucchi

sesso-e-salute-3

Se fatto bene, il sesso fa bene alla salute e quindi allunga la vita. Non è un modo di dire, ma un’affermazione basata su indagini scientifiche. Un recente studio ha infatti dimostrato che le persone con una vita sessuale attiva hanno il 28% in meno di probabilità di ammalarsi di patologie gravi come la leucemia o il cancro. Ci sono però alcuni trucchi che, se messi in pratica, fanno diventare il sesso una vera e propria “medicina” che previene le malattie. Vi sveliamo quali sono.

L’importanza delle coccole: coccolare e farsi coccolare dal partner non è soltanto un aspetto piacevole e preliminare rispetto all’atto sessuale vero e proprio. Le coccole aiutano il corpo a liberare una tossina che favorirebbe una maggiore longevità rendendo le persone meno vulnerabili verso alcune malattie croniche e la depressione;

Raggiungimento dell’orgasmo: arrivare all’acme del piacere aumenta del 20% la capacità dell’organismo di combattere le infezioni. Avere orgasmi regolari (soprattutto nelle donne) permette loro di vivere almeno otto anni in più.

Uno studio ha inoltre rilevato che in genere le coppie conviventi o sposate sono più longeve rispetto ai single;

Mantenersi in salute: una buona pratica a letto permette di tenere lontano influenza e raffreddori stagionali. Chi ha rapporti sessuali due volte alla settimana produce un numero maggiore di anticorpi che proteggono dai malanni e dai virus;

Provare desiderio: il desiderio e l’appetito sessuale sono in grado di eliminare il senso di stanchezza e ogni altro problema, grazie al rilascio di alcune specifiche sostanze nel cervello;

Metterci il cuore: il sesso è una pratica che fa bene all’attività cardiaca in generale. Fare sesso due volte alla settimana può ridurre del 45% il rischio di un attacco di cuore, e se lo si fa per tre volte il rischio può addirittura scendere al 50% (secondo il Research Institute del New England).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche