Condizionatori portatili caldo freddo senza tubo: opinioni

Tecnologia

Condizionatori portatili caldo freddo senza tubo: opinioni

condizionatori

Cosa pensa la gente dei condizionatori portatili caldo freddo senza tubo? Scopriamolo insieme.

Nel recente passato, abbiamo già avuto modo di parlare dei condizionatori portatili, perlopiù a pompa di calore, con o senza tubo: uno degli elettrodomestici “da asporto” più utili, anzi quasi essenziali, per chi ama andare in vacanza in roulotte o in camper (sempre meno in realtà, ma le comunità “resistenti” esistono ancora, soprattutto in paesi provvisti di strade a misura di questo tipo di veicoli, come gli Stati Uniti o la Germania). E proprio perché il successo di questi apparecchi è demandato al gradimento del pubblico – giacché occupano un segmento di mercato ben poco significativo, almeno per le grandi compagnie, a dispetto dei prezzi contenuti -, è giusto che a essere prese in esame siano soprattutto le opinioni della gente.

Nelle righe che seguono andremo proprio a scandagliare le opinioni più significative in merito ai condizionatori portatili caldo freddo senza tubo. Anche solo per avere un quadro più chiaro della loro reputazione.

Innanzitutto dobbiamo prendere atto di una tendenza che, opinioni online alla mano, ci appare piuttosto consolidata: con le estati che, negli ultimi anni, si sono fatte sempre più torride e umide, un condizionatore è diventato – o almeno viene ritenuto – pressoché indispensabile, a dispetto dei non trascurabili consumi e del sensibile contributo che questi apparecchi offrono all’ulteriore innalzamento delle temperature, soprattutto nei grandi centri abitati come Roma o Milano (con la prima che, ovviamente, ne soffre in maniera più sensibile).

Per il resto, si registra un certo gradimento soprattutto nei confronti degli apparecchi monoblocco e senza tubo come l’Argoclima Relax a 10.000 BTU, ritenuto a oggi il migliore tra gli apparecchi afferenti a tale tipologia tra quelli attualmente disponibili sul mercato, proprio in virtù della loro maneggevolezza, dell’agilità con cui possono essere trasportati e del rapporto costi-consumi, decisamente ottimale.

D’altronde, roulotte e camper a parte, i condizionatori portatili senza tubo sono pensati soprattutto per piccoli appartamenti e/o uffici: infatti, molte delle opinioni positive provengono da chi ne utilizza uno negli ambienti di lavoro. Unica pecca ricorrente nelle opinioni: il rumore. I condizionatori portatili, infatti, sono decisamente più “molesti”, da questo punto di vista, rispetto agli apparecchi da muro, che in genere prevedono la collocazione del motore all’esterno dell’abitazione, con evidente sollievo per quanto riguarda lo spettro acustico interno.

2 Commenti su Condizionatori portatili caldo freddo senza tubo: opinioni

  1. D’accordo nel dire che i condizionatori d’aria sono ormai essenziali, ma sono meno convinto sull’efficacia degli apparecchi portatili e sul loro “rapporto costi-consumi decisamente ottimale”.
    Come scritto nell’articolo, sono adatti per ambienti molto piccoli. Utilizzandoli in un’abitazione si è costretti a tenerli costantemente in funzione, giacché l’aria fresca tenderà a dissiparsi negli altri ambienti. Sul lungo periodo non sono per niente convenienti!
    Essendo bassi e non potenti quanto un impianto fisso, poi, le persone tendono a sedersi vicino all’apparecchio, venendo colpite direttamente dall’aria fredda – cosa che può provocare problemi di salute.
    Sono sicuramente dei buoni strumenti da tenere in vacanza o in ufficio, ma per rinfrescare la propria casa in maniera continuata è sempre meglio installare un’unità fissa di qualità.

  2. Anche il modello Unico di Olimpia Splendid è un ottimo compromesso tra estetica e benessere in quanto unico a non montare l’unità esterna. Ad ogni modo i condizionatori portatili devono essere sempre presi in considerazione della metratura dell’ambiente da rinfrescare/scaldare.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche