Confartigianato Cuneo e Legambiente: insieme per educare al rispetto della natura COMMENTA  

Confartigianato Cuneo e Legambiente: insieme per educare al rispetto della natura COMMENTA  

Educare gli studenti della scuola primaria al rispetto della natura e dell’ambiente e avvicinarli al mondo del lavoro attraverso racconti di imprenditori e piccoli “esperimenti” pratici,
questa l’iniziativa, sviluppata di concerto da Confartigianato Imprese Cuneo e dalla sezione cuneese di Legambiente, che nei prossimi mesi coinvolgerà alcune scuole elementari della provincia.

Leggi anche: Legambiente: valorizzare il patrimonio storico della città come antidoto al degrado

L’esperienza, che vede per la prima volta coinvolte un’associazione di categoria e una ambientalista, avrà come oggetto di questa edizione “l’importanza del concetto di energia”.

Leggi anche: A Chioggia la scuola più eco-sostenibile

Per Confartigianato, a seguire l’organizzazione del progetto sarà il Movimento Giovani Imprenditori, in virtù della naturale vocazione al rapporto con gli istituti scolastici e l’importante ruolo in ambiti formativi di valorizzazione dell’artigianato, e dell’imprenditoria in generale.

«Abbiamo accolto con piacere – commenta Gabriele Taricco, vice-presidente del Movimento Giovani – la proposta di collaborazione con la sezione cuneese di Legambiente. Crediamo che sia molto importante il coinvolgimento della nostra associazione e dei nostri artigiani per poter offrire agli studenti uno spaccato delle professioni collegate all’importante tematica dell’energia. L’esperienza sarà resa ancor più coinvolgente, oltre che dai racconti degli imprenditori, anche dallo sviluppo di piccoli esperimenti pratici».

L'articolo prosegue subito dopo

«Riteniamo strategico l’avvio di progettualità in sinergia con altre realtà e associazioni. – aggiunge Domenico Massimino, presidente provinciale di Confartigianato Imprese Cuneo – Crediamo inoltre di grande valore la realizzazione di attività che sappiano valorizzare il lavoro, in modo particolare quello artigianale, anche coinvolgendo i bambini più piccoli: indipendentemente dalla scelta lavorativa che i ragazzi faranno, è necessario che venga loro spiegata l’importanza e la necessità di lavori “manuali”, dai quali è possibile ottenere molte soddisfazioni».
«La qualità del sistema scolastico – conclude Bruno Piacenza, membro del direttivo del circolo di Cuneo di Legambiente – è strettamente connessa alla crescita culturale del Paese, al superamento delle disparità economiche e sociali, alla formazione di cittadini che sappiano interpretare criticamente ed agire responsabilmente negli attuali e futuri contesti. Tuttavia, se la scuola rappresenta la principale agenzia formativa del Paese, spetta anche ad altri soggetti, e da qui la collaborazione tra Legambiente e Confartigianato, lo sviluppo di iniziative educative e formative che sappiano rispondere in modo puntuale alle esigenze delle nuove generazioni. Tale iniziativa prosegue le attività dello sportello Energia attivato dal Circolo da più quest’anno ».

Leggi anche

messaggio_ricevuto
News

3 Dicembre 1992: 23 anni fa il primo sms della storia

Oggi si celebra il 23° “compleanno” degli sms. Infatti 23 anni fa, il 3 Dicembre 1992, veniva inviato il 1° messaggio della storia: “Merry Chrismas”, un auguro per il Natale ormai non troppo lontano. Lo spediva ad un collega un ingegnere inglese di nome Neil Papworth, che lavorava alla Vodafone. Ma non era ancora possibile inviarlo da un telefonino all’altro, così Papworth dovette usare il proprio personal computer. Si dovette attendere ancora un anno per fare altrimenti: lo fece un ragazzo finlandese, Riku Pihkonen, che era impegnato in uno stage alla Nokia. Il successo mondiale degli sms, in particolare tra gli adolescenti, si ebbe Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*