Confessione shock di Brunetta: «Per pagare l’Imu ho dovuto chiedere un prestito in banca» COMMENTA  

Confessione shock di Brunetta: «Per pagare l’Imu ho dovuto chiedere un prestito in banca» COMMENTA  

20121212-100330.jpg

L’ex ministro Renato Brunetta deve passarsela davvero male o molto più probabilmente ha troppe (lussuose) case. Intervistato da Tgcom24 Brunetta ha detto di non avere i soldi per pagare l’odiata tassa e di essere stato costretto a chiedere i soldi in banca. A qualcuno, evidentemente, le banche ancora concedono prestiti.

Leggi anche: Trova un tesoro in bot nascosto in uno scrittoio ma non può incassarlo


Su Monti ha detto: “Stiamo sbagliando politica economica, Monti ha sbagliato, cosi’ come il mio governo ha fatto politiche recessive faccio mea culpa. Noi siamo a favore dell’unione fiscale, bancaria e politica”.

Politica fiscale: “Purtroppo lo sviluppo economico italiano si e’ basato sull’evasione fiscale.

Leggi anche: Napoli: ladri derubano 60 mila euro

Che ci debba essere disciplina fiscale per far pagare tutti e per pagare meno ci vuole. Tutto questo pero’ non si fa con il fisco spettacolo.

Io sto pagando la seconda rata dell’Imu e i soldi non li ho, ho dovuto chiederli in banca. La pagheremo cara Monti ha sbagliato”.

Leggi anche

finanziamento
Economia

Come trovare finanziamento più adatto con Miobando

Le possibilità di finanziamento per imprese, aspiranti imprenditori e liberi professionisti sono tante ma individuare quella più adatta non è facile. Quello della finanza agevolata risulta essere un mondo quasi inaccessibile per chi non è del mestiere. A semplificare la ricerca e ridurne i tempi arriva Miobando.it, una piattaforma web rapida e semplice da utilizzare che permette di trovare tra le opportunità di finanziamento promosse da enti regionali, nazionali e comunitari, quelle più adatte al proprio business e che garantiscano maggiori possibilità di successo ed evitando ore di estenuanti ricerche su internet. Miobando.it, è la soluzione proposta da Fimap, società Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*