Confusione Milan: 3 giorni per recuperare 3 mesi di calciomercato - Notizie.it

Confusione Milan: 3 giorni per recuperare 3 mesi di calciomercato

Calcio

Confusione Milan: 3 giorni per recuperare 3 mesi di calciomercato

adriano_galliani_telefonoabete

Il Milan, quest’anno, non ha mai brillato per chiarezza e progetti: questo è risaputo. A partire dalla scelta di confermare in estate un Allegri già esonerato da Berlusconi e già sostituito a parole da Seedorf, per poi finire alle discutibili (per usare un eufemismo) scelte di mercato estive, gli uomini della società rossonera sono riusciti nell’impresa di distruggere squadra, morale e aspettative dei tifosi. Senza voler rivangare il recente passato, che ha visto una campagna acquisti estiva a dir poco disastrosa (il fallimento Matri a 12 milioni, finito in prestito secco alla Fiorentina), fatta di tante occasioni svanite nel nulla, adesso ci si illude di poter recuperare 3 mesi di immobilismo in 3 giorni, ovvero nei 3 giorni che ci separano dalla chiusura del cosiddetto mercato di riparazione. Perché? Perché persino Seedorf, che non è un allenatore, s’è reso conto che questa squadra non ha né capo né coda, nonostante le due stentatissime vittorie in campionato: servono rinforzi, e servono subito.

E allora il Milan, disperatamente e con l’occhio all’orologio, alza il telefono e chiama tutti gli amici del mondo calcistico: una telefonata ad Ancelotti, per vedere se Coentrao può partire in prestito? Nisba.

Una telefonata all’amico Cairo per vedere se Cerci, inseguito già in estate, può trasferirsi? Niet. Una telefonata a De Laurentiis per vedere se Armero, oramai terza scelta al Napoli, può venire a Milan in cambio di Constant? Forse. Ed in fondo Galliani di cosa può lamentarsi? All’inizio del mercato invernale l’aveva detto: i nostri top players li abbiamo presi in estate, bruciando la concorrenza del Pizzighettone e del Bacigaluppi, e sono Rami e Honda. Quindi, caro Galliani, cosa aspetti? Alza la cornetta, una pernacchia ti aspetta…

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche