Consigli cinesi per una sana crescita dei capelli COMMENTA  

Consigli cinesi per una sana crescita dei capelli COMMENTA  

La perdita di capelli o una loro scarsa crescita è vista dalla medicina tradizionale cinese come uno squilibrio del qi. La medicina cinese definisce qi  come la forza vitale che fluisce attraverso il corpo di tutti gli esseri viventi. Per limitare la perdita di capelli e favorire la crescita di capelli sani, occorre riportare in equilibrio il qi. Ci sono vari modi per bilanciare il qi, compreso il massaggio, l’agopuntura e le erbe.


Massaggio

Molti saloni di parrucchieri cinesi comprendono un massaggio del cuoio capelluto con ogni taglio. Il massaggio aumenta il flusso di sangue alle radici dei capelli e aiuta a stimolare il flusso del qui attraverso i meridiani del cuoio capelluto. Quando fate un massaggio al cuoio capelluto usate le dita e le nocche.


Agopuntura

I capelli sottili o la loro caduta indica una debolezza di fegato o reni, quindi l’agopuntura per rafforzare questi organi può essere utile per mantenere i capelli sanai. Altre condizioni che contribuiscono ad avere non sani che rispondono bene all’agopuntura sono una cattiva circolazione e un flusso limitato del qi nel petto, a causa di uno stress emotivo.


Erbe

Varie erbe possono aiutare a bilanciare il qi e gli organi interno del corpo. La radice di poligonia può nutrire e depurare il sangue. Il sedano di montagna del Sichuan aiuta il flusso del sangue e del qi verso l’alto e la testa.

L'articolo prosegue subito dopo


Miscele di erbe

Se è possibile, è meglio recarsi da un medico tradizionale cinese e farsi prescrivere una specifica mistura di erbe per il vostro qi. In ogni caso ci sono varie misture di erbe disponibili nelle farmacie cinesi, così come nei negozi cinesi.

 

 

Leggi anche

Linkedin: cos'è Lynda
Guide

LinkedIn: come si può chattare

Tutta la procedura per scoprire il lato "frivolo" di LinkedIn e chattare liberamente con i propri contatti. Abbiamo già parlato di LinkedIn in precedenza: in particolare, vi avevamo illustrato cinque buone ragioni per iscriversi a Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*