Consigli erboristici per la crescita dei capelli COMMENTA  

Consigli erboristici per la crescita dei capelli COMMENTA  

I rimedi erboristici sono stati a lungo usati per migliorare le condizioni dei capelli e del cuoio capelluto, così come per aumentare la crescita dei capelli. Varie erbe che possono favorire la salute dei capelli possono essere massaggiate sul cuoio capelluto o ingerite in forma di pillole. Queste erbe possono aiutare a fornire nutrimento al cuoio capelluto e ai capelli stimolando la circolazione.

Leggi anche: Capelli colorati, obiettivo: lucentezza


Olio

Per stimolare la crescita è importante nutrire il cuoio capelluto così da favorire la produzione di sebo e la circolazione. La perdita di capelli o la calvizie incipiente sono spesso dovute a una dieta povera, all’esposizione all’ambiente senza una protezione e allo stress. Un popolare consiglio erboristico per la crescita dei capelli è massaggiate l’olio di cocco sul cuoio capelluto una o due volte a settimana per favorire la produzione di sebo, così da avere capelli più sani e folti. Alcune gocce di olio di rosmarino aggiunte all’olio di cocco migliorano la circolazione nel cuoio capelluto e aumentano la crescita dei capelli.

Leggi anche: Le acconciature per l’estate 2010


Favorire la crescita dei capellicapelli

Alghe

Le alghe sono usate in varie forme nei trattamenti delle spa nei rimedi casalinghi. Le alghe hanno alti livelli di vitamine, minerali e amminoacidi. Ci sono particolari tipi di alghe che agiscono come antiossidanti per proteggere il cuoio capelluto e fornire nutrimento per favorire la crescita dei capelli. Le alghe aumentano anche la luminosità dei capelli.


Erbe

Le erbe hanno molti benefici per la crescita dei capelli. Aggiungete alcune gocce di estratto di liquirizia ad un olio portante, come olio di mandorla o di cocco, e applicatelo sul cuoio capelluto. Massaggiate per 5 minuti e poi lavate via con uno shampoo delicato. L’estratto di liquirizia è utile per avere capelli sani e prevenirne la perdita.

L'articolo prosegue subito dopo


 

Leggi anche

bootloader
Guide

Come sbloccare bootloader Android

Strumento di sicurezza, ma anche freno alla creatività e limite alle necessità dei singoli utenti: signore e signori, il bootloader (e come sbloccarlo). Che cos'è un bootloader? Il termine in questione sta diventando familiare soprattutto tra gli utenti di smartphone, in particolare quelli che montano un sistema operativo Android, semplicemente perché è quello più "conveniente" da sbloccare, soprattutto per le possibilità che tale sistema operativo fornisce nell'ambito della personalizzazione del proprio dispositivo per mezzo dell'installazione di programmi non autorizzati. In realtà, ogni dispositivo che funziona grazie all'interfaccia fornita da un sistema operativo - quindi anche un comune PC - dispone Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*