Consiglio Comunale aperto su “Vecchie e nuove povertà” in programma mercoledì 30 ottobre a Cuneo

Attualità

Consiglio Comunale aperto su “Vecchie e nuove povertà” in programma mercoledì 30 ottobre a Cuneo

Mercoledì 30 ottobre 2013 alle ore 18, il Consiglio Comunale di Cuneo si riunirà in forma aperta per trattare e approfondire le tematiche concernenti “Vecchie e nuove povertà”, con particolare riferimento al capoluogo. L’invito è aperto a tutti e per favorire la partecipazione sono stati invitati all’appuntamento i responsabili di Enti e Associazioni operanti nel settore sociale.
Gli argomenti dell’incontro prenderanno spunto dalle due forme di povertà prese in esame: le vecchie povertà, tradizionalmente associate all’emarginazione sociale e alla scarsità di mezzi economici, e le “nuove povertà”, legate all’attuale crisi economica e identificabili nella fragilità occupazionale, nella precarietà e nell’ insufficienza di reddito.
Come ha evidenziato il Rapporto Caritas 2012 su povertà ed esclusione sociale in Italia, la situazione si è particolarmente aggravata negli ultimi anni ed è notevolmente aumentato il numero di “nuovi poveri” che si vedono costretti a ricorrere a forme di aiuto di tipo assistenziale e di integrazione di reddito.

«Quello della povertà – sottolinea il Presidente del Consiglio Comunale Beppe Tassone – è un tema verso il quale il Comune di Cuneo è particolarmente sensibile: discuterne in sede di Consiglio ci consentirà di delineare un quadro della situazione, testimoniare vicinanza e solidarietà al mondo dell’associazionismo, del volontariato e della cooperazione presente sul nostro territorio ed anche riconoscere il ruolo essenziale che il Comune, tramite anche il Consorzio Socio Assistenziale, sta svolgendo . Il Comune è sicuramente l’ente di riferimento per quanti si trovano in difficoltà ed il suo ruolo sta crescendo costantemente. Essere vicini ai più bisognosi e cercare di aiutarli è un nostro dovere istituzionale: un ruolo che il Consiglio Comunale ha sempre riconosciuto e sostenuto con forza ».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...