Consiglio Comunale aperto su “Vecchie e nuove povertà” in programma mercoledì 30 ottobre a Cuneo COMMENTA  

Consiglio Comunale aperto su “Vecchie e nuove povertà” in programma mercoledì 30 ottobre a Cuneo COMMENTA  

Mercoledì 30 ottobre 2013 alle ore 18, il Consiglio Comunale di Cuneo si riunirà in forma aperta per trattare e approfondire le tematiche concernenti “Vecchie e nuove povertà”, con particolare riferimento al capoluogo. L’invito è aperto a tutti e per favorire la partecipazione sono stati invitati all’appuntamento i responsabili di Enti e Associazioni operanti nel settore sociale.

Leggi anche: Referendum: primi dati dopo il voto

Gli argomenti dell’incontro prenderanno spunto dalle due forme di povertà prese in esame: le vecchie povertà, tradizionalmente associate all’emarginazione sociale e alla scarsità di mezzi economici, e le “nuove povertà”, legate all’attuale crisi economica e identificabili nella fragilità occupazionale, nella precarietà e nell’ insufficienza di reddito.

Leggi anche: Italiani a Vienna. Terremoto. La solidarietà arriva anche da qui

Come ha evidenziato il Rapporto Caritas 2012 su povertà ed esclusione sociale in Italia, la situazione si è particolarmente aggravata negli ultimi anni ed è notevolmente aumentato il numero di “nuovi poveri” che si vedono costretti a ricorrere a forme di aiuto di tipo assistenziale e di integrazione di reddito.


«Quello della povertà – sottolinea il Presidente del Consiglio Comunale Beppe Tassone – è un tema verso il quale il Comune di Cuneo è particolarmente sensibile: discuterne in sede di Consiglio ci consentirà di delineare un quadro della situazione, testimoniare vicinanza e solidarietà al mondo dell’associazionismo, del volontariato e della cooperazione presente sul nostro territorio ed anche riconoscere il ruolo essenziale che il Comune, tramite anche il Consorzio Socio Assistenziale, sta svolgendo . Il Comune è sicuramente l’ente di riferimento per quanti si trovano in difficoltà ed il suo ruolo sta crescendo costantemente.

L'articolo prosegue subito dopo

Essere vicini ai più bisognosi e cercare di aiutarli è un nostro dovere istituzionale: un ruolo che il Consiglio Comunale ha sempre riconosciuto e sostenuto con forza ».

Leggi anche

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum
Attualità

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum

Nel cuore della notte Maria Elena Boschi scoppia a piangere. E piange per l'esito del referendum costituzionale. Maria Elena Boschi (Montevarchi, 24 gennaio 1981) è una politica italiana, il Ministro senza portafoglio per le Riforme Costituzionali e i Rapporti con il Parlamento con delega all'attuazione del Programma di Governo nel Governo Renzi dal 22 febbraio 2014. Due lacrime scivolano sulle sue guance rosa facendo colare anche un po’ di rimmel. Piange in un comprensibile miscuglio di rabbia e delusione. Ecco, l’incredulità. Appena due anni fa, negli indici di gradimento, Maria Elena Boschi era il ministro più popolare del Paese: la madrina di ogni riforma compresa quella più importante, quella della Costituzione, e Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*