Continua la protesta ma scioperi a singhiozzo per il Teatro dell’Opera COMMENTA  

Continua la protesta ma scioperi a singhiozzo per il Teatro dell’Opera COMMENTA  

Il-barbiere-di-siviglia

“Io esisto solo se si alza il sipario. Fare uno sciopero è come se mi suicidassi.” Comincia così lo sfogo del Primo Violino del Teatro dell’Opera doi Roma, Vincenzo Bolognese, intervistato oggi sui motivi dello sciopero dell’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma. Gli scioperanti, riuniti sotto varie sigle sindacali, chiedono sostanzialmente un ampliamento dell’organico, attraverso regolari concorsi – come d’altronde stabilito già da anni con il Teatro – invece di continuare a utilizzare in emergenza musicisti a chiamata.


(fonte Ansa)

Stasera alle Terme di Caracalla andrà comunque in scena il Barbiere di Siviglia, con la regia di Lorenzo Mariani e la direzione di Stefano Montanari, in uno spettacolo particolare che fonde l’atmosfera dei muti degli anni Venti e quella dei vecchi musical hollywoodiani.


 

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*