Contrappunti, al Tam Teatromusica di Padova COMMENTA  

Contrappunti, al Tam Teatromusica di Padova COMMENTA  

Si rinnova l’appuntamento con “Contrappunti”, la rassegna di teatro, musica e danza promossa e organizzata a Padova al Teatro delle Maddalene da Tam Teatromusica, storica residenza teatrale sempre attenta a offrire al suo pubblico una proposta artistica che si contraddistingue per qualità e innovazione e a promuovere il teatro come luogo di incontro, non di “consumo” culturale.

Leggi anche: Poveri ricchi

Giunta alla 16a edizione, la rassegna vede la collaborazione dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova, della Regione del Veneto e di Arteven, e il sostegno del Ministero per i Beni e le attività culturali.

Leggi anche: La Mamma degli Abba

La proposta del cartellone si articola in Contrappunti 1_RAM, da dicembre 2011 a gennaio 2012, Contrappunti 2_Universi Diversi, da febbraio a marzo 2012, e si conclude con Contrappunti 3_Festival relAzione Urbana dal 15 aprile al 15 maggio 2012.

Contrappunti 1_RAM è all’insegna dei nuovi linguaggi del contemporaneo e vede in calendario spettacoli che privilegiano un linguaggio espressivo dove il gesto, il suono e l’immagine si intrecciano. Il risultato – cifra artistica e poetica distintiva del Tam Teatromusica – è un segno comunicativo che li contiene tutti, e sa fondere insieme l’antica narrazione con la pittura digitale e la videoarte. Ad aprire, sabato 10 dicembre alle ore 21.00, il nuovo allestimento di “Canto dell’albero”, ispirato al libro L’Uomo che piantava gli alberi di Jean Giono e dedicato a 2011 Anno Internazionale delle Foreste. Protagonisti sono luci, suoni e colori, che evocano in modo poetico i quattro elementi ricordando allo spettatore come ogni azione umana abbia conseguenze sulla natura.

L'articolo prosegue subito dopo

Il calendario prosegue con “Picablo”, selezionato al festival Sguardi Venezia 2011 e al Premio Off Teatro Stabile del Veneto, spettacolo dell’arte della trasformazione e della scomposizione, proprio come il cubismo di Pablo Picasso: al centro, la pittura e le opere dell’artista spagnolo. E sempre a un artista del ‘900 è dedicato “Anima Blu”: un viaggio nella poesia e nell’emozione dei quadri di Chagall, accompagnato e generato dalle suggestioni videoartistiche, dal ritmo e dalla musicalità del gesto in forma coreografica. A conclusione della prima parte della rassegna, “Circoparola”, prodotto dalla compagnia Pantakin Circo Teatro. Spettacolo che mette a confronto il linguaggio circense con alcuni interpreti dell’arte contemporanea, come la coreografa Silvia Gribaudi e lo scrittore-drammaturgo Tiziano Scarpa. Sono tutti spettacoli che prevedono anche una visione pomeridiana, per portare insieme a teatro anche i più piccoli e le famiglie.
Con CONTRAPPUNTI 2_Universi Diversi si dà spazio al teatro contemporaneo, con gruppi storici e significativi a livello internazionale e gruppi giovani. accomunati tutti dalla ricerca di nuovi linguaggi all’interno della tradizione contemporanea. Si tratta di realtà artistiche inserite in una feconda relazione con il territorio di appartenenza. A partire da César Brie, già attore dell’Odin Theatre e fondatore e regista del teatro de Los Andes, che porterà a Padova il suo “120 chili di jazz”. Sul palco delle Maddalene anche il padovano Aleph Company con “Oh Carrot! (a love story)”, i napoletani TeatrInGestAzione con “Canto Trasfigurato, di Moby Dick e d’altri mostri che ho amato” e “L’archivio delle anime. Amleto” del Centro teatrale umbro.
Forte e centrale in CONTRAPPUNTI_3 è il tema della relazione tra gli artisti e la città, che trasforma questa terza parte della rassegna in un vero e proprio festival diffuso, ovvero relAzione Urbana, festival di arti performative e visive. Uno scambio tra potenzialità umane e architettoniche e, allo stesso tempo, tra cittadini e artisti, per rivitalizzare lo spazio urbano come scena artistica e sociale in cui “abitare” significa partecipare. Qui l’azione artistica si esprime in eventi performativi collocati in luoghi vari della città, e al teatro è affidato il ruolo di ascoltare e accogliere le istanze dei cittadini, di farsene voce. Momenti di interazione e contaminazione dello spazio urbano, con un calendario fitto che tra aprile e maggio propone spettacoli ed esperienze nazionali ed europee sul tema del teatro urbano, videoinstallazioni ed eventi formativi, ma anche restituisce alla città, in forma di spettacoli, i risultati dei laboratori Tam con giovani e adolescenti, con i detenuti del carcere Due palazzi di Padova, nonché dei percorsi di formazione con studenti universitari e di quelli teatrali con i giovani.
Tre gli spettacoli in scena alle Maddalene, che hanno per filo tematico appunto la città: “Report della città fragile”, con Gigi Gherzi per la regia di Pietro Floridia; “La città fragile. Seppellitemi in piedi” di e con Beppe Rosso e, infine, il progetto di Stalker Teatro “Città dentro Città fuori” ispirato all’opera di Calvino Le città invisibili.
Tra momenti performativi che si svolgeranno nel cuore della città e momenti più riflessivi sulle relazioni che intrecciamo nel tessuto urbano, il festival intende rivelare la città come un palco a 360° dove costruire nuove forme di convivenza umana.
Per prenotare: paola@tamteatromusica.it 049-654669/656692 (dalle 9.00 alle 13.00); 334-7685121 (il pomeriggio dei giorni dello spettacolo); per informazioni: www.tamteatromusica.it. Biglietto intero: 8 euro, ridotto 6€ (anche per i possessori della “Studiare a Padova card”); ridotto 2,50€ per i possessori della “Giovani a teatro card”, un’iniziativa di Fondazione Venezia ed Euterpe Venezia.

PROGRAMMA CONTRAPPUNTI 2011/2012
Teatro Maddalene / Via San Giovanni da Verdara 40

CONTRAPPUNTI_1
10 dicembre 2011 ore 21; 11 dicembre 2011 ore 17
TAM TEATROMUSICA
Canto dell’albero
dedicato a Jean Giono,  L’uomo che piantava gli alberi
2011 Anno Internazionale delle Foreste
ideazione e regia Michele Sambin
con Flavia Bussolotto
pittura digitale Alessandro Martinello
produzione Tam Teatromusica
con il contributo del Comune di Padova, Assessorato alla Cultura
16/17/19/20/21/22 dicembre 2011 ore 21; 18 dicembre 2011 ore 17
TAM TEATROMUSICA
Picablo
dedicato a Pablo Picasso
ideazione Michele Sambin
scrittura Pierangela Allegro
con  Flavia Bussolotto, Alessandro Martinello
musica: composizione ed esecuzione Michele Sambin
post produzione suoni Kole Laca, Luca Scapellato, Davide Sambin
video animazione Raffaella Rivi
costumi e foto Claudia Fabris
sistemi interattivi Alessandro Martinello
regia, scene, immagini Michele Sambin
produzione Tam Teatromusica
con il contributo del Comune di Padova, Assessorato alla Cultura
20/21 gennaio 2012 ore 21; 22 gennaio 2012 ore 17
TAM TEATROMUSICA
Anima blu
dedicato a Marc Chagall
Spettacolo vincitore del Premio Eolo Awards 2008 per il miglior spettacolo di Teatro Ragazzi Italiano
e del Premio Festival Feten 09 – Gijon (Spagna) per la migliore scenografia
ideazione Michele Sambin, Flavia Bussolotto
con Flavia Bussolotto, Marco Tizianel
musiche Enzo Carpentieri, Michele Sambin, Kole Laca
elaborazione video Raffaella Rivi
costumi e foto Claudia Fabris
regia, scene, immagini Michele Sambin
elaborazione suoni Davide Sambin Zara
27 gennaio 2012 ore 21; 28 gennaio 2012 ore 17
PANTAKIN
CIRCOPAROLA
con Marcel Zuluaga Gomez, Alice Macchi, Emanuele Pasqualini
testo Tiziano Scarpa
regia Emanuele Pasqualini
movimenti coreografici Silvia Gribaudi e Gaetano Ruocco Guadagno
ideazione Silvia Gribaudi, Emanuele Pasqualini, Tiziano Scarpa, Carlotta Vinanti
un produzione Pantakin Circo Teatro
responsabile di produzione Carlotta Vinanti
Si ringraziano Ted Keijser, Licia Lucchese, Sonia Marianni, Flavio Costa, Aldo Giuponi,
Alessandra e Famiglia Grion, Enrico Fabris, Accademia Teatrale Veneta,
Elisa Carrer, Fondazione Villa Benzi Zecchini

CONTRAPPUNTI_2
17 febbraio 2012 ore 21
ALEPH COMPANY
Oh Carrot!
concept Aleph Company
regia Vincenzo Manna
creato e interpretato da Gabriele Bajo e Margherita Pirotto
musica ed elaborazioni musicali Carlo Carcano
video Raffaella Rivi
oggetti di scena Aleph Company
costumi Claudia Fabbris
Produzione NuDI – Nuova Danza Indipendente
direzione artistica di Laura Pulin
Progetto sostenuto dalla Fondazione Teatro Comunale Citta’ di Vicenza
24 febbraio 2012 ore 21
TEATRINGESTAZIONE
Canto trasfigurato
di Moby Dick e d’altri mostri che ho amato
regia Gesualdi | Trono
in scena Giovanni Trono
9 marzo 2012 ore 21
CÉSAR BRIE
120 chili di jazz
di e con César Brie
produzione César Brie – Arti e Spettacolo
23 marzo 2012 ore 21
MASSIMILIANO DONATO
L’archivio delle anime. Amleto
a seguire incontro con Cristina Grazioli
di e con Massimiliano Donato
a Naira Gonzalez senza il cui contributo questo spettacolo non si sarebbe potuto realizzare
costumi Manuela Marti
disegno luci Francesco Pennica
CONTRAPPUNTI_3:  FESTIVAL RelAzione Urbana
20 aprile 2012 ore 21
GIGI GHERZI
Report della città fragile
con Gigi Gherzi
scene di Gabriele Silva e Pietro Floridia
aiuto regia Anna Serlenga
regia di Pietro Floridia
27 aprile 2012 ore 21
BEPPE ROSSO
La Città Fragile. Seppellitemi in piedi
di Beppe Rosso, Filippo Taricco e Remo Rostagno
con Beppe Rosso
movimenti scenici Maria Consagra
disegno luci Massimo Violato
tecnico Marco Ferrero
una produzione ACTI Teatri Indipendenti
con il sostegno del Teatro Stabile di Torino e Viartisti Teatro
6 maggio 2012 ore 21
STALKER TEATRO
Città dentro Città Fuori
progetto di STALKER TEATRO
liberamente ispirato a “Le Città Invisibili” di Italo Calvino
elaborazione drammaturgica Gabriele Boccacini
luci e suono Massimo Vesco
musiche originali Corradino Corra Corrado, Alberto Ezzu
11-12 maggio ore 21; 13 maggio ore 18
Tam Teatromusica/OIKOS officina delle arti sceniche
SpeciediSpazi
di Maria Cinzia Zanellato e Vasco Mirandola
con i partecipanti al laboratorio SpeciediSpazi

Leggi anche

babbo-natale
Cultura

Babbo Natale esiste o no

Ci sono ancora bambini che credono a Babbo Natale e attendono con ansia di ricevere i suoi doni a Natale. Ma quanto c'è di reale in questo personaggio? La maggior parte dei genitori si sente rivolgere la fatidica domanda “Babbo Natale esiste o no?” dai propri figli appena riescono a percepire la realtà distinguendola dalla fantasia. Per alcuni questo momento arriva presto (fra i 3 e i 9 anni), per altri si prolunga un po’. Una cosa è certa: nell’immaginario collettivo dei più piccoli il personaggio di Babbo Natale ha persino soppiantato Gesù Bambino. Per i bimbi in tenera età Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*