Contro il massacro dei cani in Ucraina, ecco la petizione online COMMENTA  

Contro il massacro dei cani in Ucraina, ecco la petizione online COMMENTA  

Da circa un anno, le autorità ucraine hanno deciso di  ripulire le strade da cani e gatti randagi in vista degli Europei di calcio  2012 che si giocheranno in Polonia e in Ucraina. In particolare le autorità di  Kiev e di Lungansk hanno deciso che per dare una nuova immagine alle proprie  città, gli animali devono essere uccisi ad ogni prezzo e ad ogni costo.

Questa aberrante decisione comporta un massacro senza  precedenti puntualmente condotto ogni mattina da impiegati comunali presso  parchi e strade con polpette avvelenate, spesso accidentalmente ingerite da  ignari cani di proprietà, che muoiono dopo terribili agonie davanti agli occhi  attoniti dei loro padroni.

Ma la ferocia e la barbarie non terminano qui; oltre al  veleno, e alle fucilate, si aggiungono i terribili forni crematori mobili ove  gli animali vengono gettati ancora vivi.


http://www.petizionionline.it/petizione/diecimila-cani-uccisi-in-ucraina-per-euro-2012-firma-per-fermare-il-massacro/6333

Questa è l’ultima macabra trovata delle autorità ucraine.  Ma pratiche barbare ed indegne di una società civile si coniugano con la  peggiore forma di corruzione e di lucro da parte degli impiegati comunali.

L'articolo prosegue subito dopo

Lo stanziamento di fondi necessario a questo scopo, viene  infatti fatto sulla base di stime appositamente gonfiate da impiegati corrotti  che dichiarano più animali randagi rispetto alla realtà.
Vi chiediamo per favore di aiutare l’OIPA a porre fine a  questa barbarie indegna di un essere umano.
Per favore firmate l’appello e chiedete direttamente alle  autorità ucraine di mettere la parola fine a questo mare di dolore. Pochi  minuti del Vostro tempo sono importantissimi per dare voce ad animali che non  possono sottrarsi a queste inaudite torture e che hanno bisogno di tutto il  nostro aiuto.

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*