Coppa Italia Primavera, andata semifinali: Roma travolgente COMMENTA  

Coppa Italia Primavera, andata semifinali: Roma travolgente COMMENTA  

Si sono giocate le gare di andata delle semifinali di Coppa Italia Primavera: in campo quattro delle sei grandi del campionato, eccetto Inter e Lazio. Per la Roma la finale è già in tasca mentre l’altro nominativo si deciderà dopo le sfide di ritorno, in programma il 31 gennaio.

Leggi anche: Siviglia-Juventus 1-0, i bianconeri si qualificano come secondi


Roma-Milan 6-1. Si ferma dopo otto gare utili consecutive tra campionato e Coppa la striscia positiva del Milan: la squadra di Aldo Dolcetti esce umiliata più che sconfitta dal campo della Roma. Il 6-1 finale infatti rappresenta una brutta figura di cui lo staff dirigenziale rossonero oltre allo stesso allenatore non potranno essere contenti, nonostante la Coppa non rappresenti certo l’obiettivo della stagione. I giallorossi prendono subito in mano il gioco, trascinati dall’incontenibile Caprari, al passo d’addio con la Primavera prima di spiccare il volo verso Pescara. Il vantaggio arriva su azione d’angolo, al 21’, con Carboni reattivo a trovare il guizzo vincente. Il Milan accusa il colpo ed incassa il raddoppio al 35’ quando Sabelli chiede ed ottiene triangolo da Ciciretti per poi servire Tallo che supera Piscitelli nell’immobilismo della difesa milanista. La musica non cambia nella ripresa e tra il 10’ ed il 13’ arrivano le reti che trasformano la vittoria in un trionfo: e che reti, frutto di spettacolari azioni in velocità. Prima è Caprari a realizzare di controbalzo su sponda di Tallo, poi l’ennesima azione di prima è chiusa dal sinistro vincente di Viviani. La partita è ormai finita e le ultime tre reti servono più per le statistiche che per tenere aperto il discorso qualificazione: al 20’ punto della bandiera per il Milan con il rigore di Comi, al 32’ gioia anche per Verre su assist di Ciciretti mentre in pieno recupero va a segno anche Nego che bissa così il gol assai più prezioso siglato sabato scorso alla Juve Stabia.

Leggi anche: Serie B, risultati 17 giornata e classifica aggiornata


Fiorentina-Juventus 0-0. Nonostante la cornice d’eccezione del Franchi, invece, i gol non sono arrivati nel secondo confronto in quattro giorni tra le dominatrici del girone A. La qualificazione si deciderà quindi a Vinovo ma il risultato strizza l’occhio alla Fiorentina, cui potrebbe bastare un pareggio con gol. La partita è stata equilibrata: chiaro predominio territoriale della Fiorentina, trascinata da un mobilissimo Acosty, nonostante l’infortunio di Babacar, uscito all’intervallo dopo aver fatto da comparsa per tutto il primo tempo, abbia limitato il potenziale offensivo della squadra di Semplici, vicina al gol già dopo 2’ con lo stesso Acosty che si è visto deviare da Sluga una potente conclusione di destro. La Juventus controlla senza disdegnare le ripartenze così già un minuto dopo Spinazzola sfiora il vantaggio con un gran tiro dalla distanza. Ma ben presto i ritmi si abbasseranno e nella ripresa saranno della Juve le uniche vere occasioni ancora con Spinazzola che chiama Svedkauskas ad una difficile parata e con Padovan che manca il colpo di testa sottomisura.

Leggi anche

ambulanza-bloccata-in-campo
Sport

Ambulanza resta impantanata sul campo di rugby: i giocatori la spingono

Fare squadra significa anche reagire tutti insieme alle difficoltà, per superarle. E questo video lo mostra appieno: riguarda un infortunio avvenuto durante una partita di rugby di serie C tra Val Camonica e Casalmaggiore. Michele Prevedello, uno dei giocatori della squadra di casa, è caduto a terra, vittima di un infortunio piuttosto serio che ha richiesto l'intervento di un'ambulanza in campo, per soccorrerlo e portarlo al più presto in ospedale ed il match è stato per questo temporaneamente sospeso. Ma a causa delle condizioni del terreno, il mezzo di soccorso è rimasto completamente impantanato nel fango che si era formato Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*