Corea del Nord: Pyongyang e il nuovo test nucleare COMMENTA  

Corea del Nord: Pyongyang e il nuovo test nucleare COMMENTA  

Corea del Nord: Pyongyang e il nuovo test nucleare
Corea del Nord: Pyongyang e il nuovo test nucleare

Venerdì, la Corea del Nord ha condotto il suo quinto test nucleare, realizzato, come in precedenza, a Punggye -ri (nord-est).

La Corea del Nord è pronta ad effettuare un altro test nucleare, ha detto lunedì il Ministero della Difesa della Corea del Sud, tre giorni dopo il test più potente condotto da Pyongyang.

Un nuovo test potrebbe essere condotto in un tunnel, che parte dal secondo tunnel, o nel terzo tunnel, dove i preparativi sono stati completati“, ha detto ai giornalisti il portavoce del ministero Luna Sang – Gyun. Ha rifiutato di dare ulteriori dettagli su queste ipotesi, ma ha ricordato che l’esercito della Corea del Sud è pienamente in grado di rispondere ad “altri test nucleari, lanci di missili o provocazioni terrestri” dal Nord.

Il primo test nucleare nordcoreano è stato effettuato nel 2006 nel primo tunnel, i quattro successivi nel secondo tunnel.

In una dichiarazione che presenta la quinta prova come una risposta necessaria alla minaccia nucleare degli Stati Uniti, un portavoce del ministero degli Esteri della Corea del Nord ha annunciato, domenica, che Pyongyang avrebbe sviluppato la sua dissuasione “in qualità e quantità.” Pyongyang ha detto di aver provato venerdì una testata nucleare che può essere montata su un missile. La miniaturizzazione dei costi è uno degli aspetti chiave di qualsiasi programma nucleare militare, in quanto l’importanza della dissuasione verte anche tanto sulla capacità di proiezione delle bombe.

L’energia sprigionata dalla quinta prova è stata stimata a 10 kilotoni, quasi il doppio del test condotto da Pyongyang solo otto mesi fa. “I risultai miracolosi” del programma nucleare nordcoreano mostrano che il Nord ha “tra le sue grinfie” le basi americane dell’ Asia e del Pacifico, ma anche lo stesso continente americano, si è congratulato lunedì il giornale dell’unico partito al potere, Rodong Sinmun.

L'articolo prosegue subito dopo

Se Washington lanciasse una guerra contro il Nord, Pyongyang farebbe “esplodere la terra d’America e, nel fare questo, sradicherebbe le cause della guerra sulla terra“.

Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha deciso, venerdì, di cercare e applicare una nuova risoluzione per imporre delle sanzioni contro Pyongyang.

Già cinque sanzioni 

La Corea del Nord, che in teoria non ha il diritto di sviluppare un programma nucleare o missilistico balistico, ha già subito, in rappresaglie, cinque sanzioni, ma non ha mostrato affatto di voler ribattere. In visita in Giappone, Sung Kim, rappresentante speciale per la Corea del Nord all’interno del Dipartimento di Stato, ha detto che Washington e Tokyo cercavano di ottenere dalla comunità internazionale “il mezzo più forte possibile” per rispondere a Pyongyang. Egli ha anche accennato al fatto che il suo paese potrebbe ricevere nuove sanzioni unilaterali contro il “comportamento provocatorio e inaccettabile dei nordcoreani“. È atteso a Seoul dove martedì incontrerà il suo omologo sudcoreano Kim Hong Kyun.

Washington vuole anche mostrare la sua forza con l’invio di due bombardieri B-1B per volare sopra la Corea del Sud, ha riferito l’agenzia sudcoreana Yonhap. Le forze americane in Corea del Sud (USFK) hanno spiegato che l’operazione è stata rinviata di un giorno, a martedì, a causa del maltempo, rifiutando di specificare il tipo di aereo utilizzato.”Questa missione ha lo scopo di rafforzare l’impegno degli Stati Uniti di sostenere il suo importante alleato dopo il test nucleare della Corea del Nord“, ha dichiarato un portavoce.

Washington ha condotto questo tipo di pattugliamento dopo i precedenti test nucleari del Nord. Gli Stati Uniti  considerano allo stesso modo, di inviare il prossimo mese la portaerei nucleare USS Ronald Reagan e cinque caccia nelle acque della Corea del Sud, in una esercitazione navale congiunta, secondo Yonhap. Il portavoce del USFK ha rifiutato di confermare questa informazione.Le truppe americane sono presenti in Corea del Sud dalla guerra del 1950-1953, che si è conclusa con un armistizio e non un trattato di pace.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*