Corre ancora l’inflazione COMMENTA  

Corre ancora l’inflazione COMMENTA  

Cala ancora il potere di acquisto degli italiani
Cala ancora il potere di acquisto degli italiani

Per le famiglie italiane, sembra non esserci tregua. Dopo la gragnuola di tasse locali, che renderanno molto problematico far quadrare i conti, adesso arriva l’ennesima pessima notizia, legata all’inflazione. Ad aprile, il rincaro annuo del cosiddetto carrello della spesa, quello che riguarda i prezzi dei prodotti acquistati con maggiore frequenza (dal cibo ai carburanti), è del 4,7%: un valore che è molto superiore al tasso d’inflazione (3,3%) e che che risulta il più alto da settembre 2008. Il dato è stato sancito dall’Istat nelle stime preliminari. Naturalmente, le reazioni dei consumatori, non si sono fatte attendere: “Tradotto in termini di costo della vita, significa che una famiglia di tre persone spenderà, per fare la spesa di tutti i giorni, 635 euro in più su base annua, mentre per una famiglia di quattro persone la stangata sarà di 686 euro all’anno”. E’ il calcolo fatto dal Codacons, il quale trae spunto dal dato Istat per ricordare le conseguenze devastanti che il rincaro dell’Iva, previsto per ottobre: “E’ evidente che aumentare ad ottobre l’Iva significherebbe una ulteriore spinta sui prezzi già alle stelle”. L’associazione dei consumatori, ricorda che l’effetto di questo provvedimento sull’inflazione, sarebbe variabile tra l’1,32% e l’1,74%, a seconda che scattino anche gli arrotondamenti e le speculazioni.

Un caso a sé stante, è poi quello dei carburanti, ormai una vergogna nazionale. Sempre nel mese di aprile il prezzo della benzina, infatti, aumenta su base annua del 20,8%, in forte accelerazione rispetto al 18,6% di marzo, mentre su base mensile sale del 3,1%. Insomma, ormai è un prodotto di lusso.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*