Corso formativo per tutori e amministratori di sostegno a protezione di persone fragili COMMENTA  

Corso formativo per tutori e amministratori di sostegno a protezione di persone fragili COMMENTA  

Cuneo – Successo di adesioni per il primo corso di formazione per tutori e amministratori di sostegno denominato “L’amministrazione di sostegno e gli istituti giuridici di protezione delle persone fragili” che è iniziato giovedì 10 maggio al Centro Incontri della Provincia di Cuneo (sala Falco) e che proseguirà fino a metà giugno. Oltre settanta gli iscritti all’iniziativa organizzata dalla Provincia tramite l’Ufficio Provinciale Pubblica Tutela, con la collaborazione degli enti gestori delle funzioni socio-assistenziali.

Leggi anche: Massaggio californiano corso

La proposta di un percorso di formazione e informazione sulla materia degli istituti giuridici di protezione delle fragilità è stata accolta con grande interesse dai cittadini e dalle famiglie che sempre più spesso si trovano nella necessità di assistere e provvedere agli interessi dei familiari che per età, malattie , disabilità vedono compromessa la loro autonomia. Gli incontri intendono fornire elementi di conoscenza sugli istituti giuridici per la tutela delle persone fragili e sull’amministrazione di sostegno, promuovendo la figura dell’amministratore di sostegno nell’ambito del volontariato e approfondendo aspetti giuricici e relazionali, adempimenti e compiti.

Leggi anche: Finto corso da hostess. Truffati un centinaio di persone

Il corso fa parte del progetto “Costruiamo la rete dei tutori e amministratori di sostegno volontari” e vi collaborano anche l’associazione “La Cordata” di Bra con i suoi volontari e il Consiglio Notarile di Cuneo. Sarà riproposto anche in altre zone della Granda e nell’Albese il prossimo autunno. Il primo incontro è stato dedicato al tema generale dell’amministrazione di sostegno e agli istituti giuridici di protezione delle persone fragili con l’intervento di Alberto Tetamo, giudice tutelare del Tribunale di Cuneo.

Il programma degli incontri proseguirà: mercoledì 23 maggio (dalle 17 alle 19,30) sugli aspetti pratici legati all’amministrazione di sostegno e alla tutela con Luigina Bima, resposanbile dell’associazione “La Cordata” di Bra; giovedì 31 maggio (17-19,30) sulla gestione del denaro proprio e altrui con la psicologa e psicoterapeuta Alessandra Fontana; mercoledì 6 giugno (17-20) sulle competenze del notaio con riferimento all’amministrazione di sostegno con il notaio del Consiglio notarile di Cuneo Barbara Pilepich e sull’esperienza degli amministratori di sostegno de “La Cordata”; mercoledì 13 giugno (17-19) per criticità e quesiti a conclusione del percorso formativo. E’ prevista una tavola rotonda con la partecipazione di tutti i relatori (Tetamo, Bima, Pilepich, Ufficio Provinciale Pubblica Tutela). I lavori saranno chiusi dall’assessore alle Politiche sociali e Famiglia della Provincia, Giuseppe Lauria.

L'articolo prosegue subito dopo

E’ possibile partecipare anche solo alle singole giornate nel caso in cui non si sia interessati a tutto il percorso. L’ingresso alla sala Falco è libero con precedenza agli iscritti provenienti da tutto il territorio provinciale. Al termine verrà rilasciato un attestato di frequenza e chi avrà frequentato almeno quattro incontri potrà aderire al progetto “Costruiamo la rete dei tutori e amministratori di sostegno volontari”. Per informazioni contattare l’Ufficio Provinciale Pubblica Tutela in via XX Settembre 48 a Cuneo (0171-445922-445923) oppure il Centro Formazione Cebano Monregalese (Giulio Tiraboschi 335-1298445).

Leggi anche

esplosione-treno-merci
Esteri

Treno carico di gas deraglia ed esplode, 5 morti e molti feriti

Disastro ferroviario nel nord est della Bulgaria, dove un treno merci carico di propano-butano, è deragliato ed esploso distruggendo almeno una ventina di edifici. Un incidente gravissimo, avvenuto nei pressi del villaggio di Hitrino, che ha provocato la morte di almeno cinque persone anche se il bilancio è ancor aprovvisorio. I medica locali hanno ricostruito la dinamica dell'incidente: il treno sarebbe uscito dai binari e questo avrebbe provocato la violentissima esplosione, che ha a sua volta causato il crollo di diversi edifici. Le persone decedute sarebbero state sepolte dalle macerie e vi sarebbero anche 25 feriti, alcuni dei quali in Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*