Cosa c’è oltre la Concordia COMMENTA  

Cosa c’è oltre la Concordia COMMENTA  

Una tragedia immane. Terribile. Un uomo solo sembra aver segnato il destino di molte vittime. La magistratura si esprimerà, ma intanto il comandante è agli arresti domiciliari. E’ triste, drammatico e cinicamente reale. E’ vero, ma il resto della Terra dov’è mentre tutti i mezzi informativi parlano, descrivono, commentano, sviscerano, criticano, raccontano con mille sfaccettature, s’infervorano e ripetono ancora le vicende della Concordia?

L’immensa nave da crociera appoggiata agli scogli è un’immagine che appare ovunque, che tappezza ogni organo d’informazione e che viene vista da ogni angolazione per la pericolosità del rischio ambientale che provocherebbe una sua discesa più a fondo o una, speriamo mai, perdita di carburante. Bruno Vespa ci fa un plastico e s’indigna con un medico dell’equipaggio in grado d’intendere ma non di volere, Barbara D’Urso ci piazza una delle sue espressioni più tristi, gli abitanti di Sorrento dicono che il comandante è una brava persona e il resto del circo mediatico sgomita per raschiare il fondo del barile.


E’ giusto dedicare molta attenzione al caso di questi giorni, ma se la stessa passione, la dedicassimo ad altri argomenti della settimana senza aspettare Concordia, Avetrana o chicchessia, sfrutteremmo questa energia espressiva per creare qualcosa che vada a nostro vantaggio spostando l’attenzione mediatica su problemi che quotidianamente affliggono noi italiani.


La lite tra Bossi e Maroni, Bersani che prima approva poi invece no i referendum, Di Pietro che aveva uno Scilipoti in seno e sì anche il comandante Schettino che comandava la nave da crociera Concordia a sua insaputa. Sono notizie su cui indignarsi, al pari di chi non paga le tasse e arroga il diritto di replicare, facce di gomma che fanno il comodo loro sfoggiando anche il sorriso beffardo ‘tanto non mi tocchi’, tassisti che non rispettano le regole, e si vede anche quando guidano, e affrontano una protesta in maniera indegna per la loro categoria. E poi il marcio che pur di non andarsene sfodera cattiveria e violenza.


Se usassimo la stessa attenzione e la voglia di parlarne, saremmo noi a insegnare qualcosa a chi dà le notizie.

Leggi anche

About Andrea Paolucci 2643 Articoli
Andrea Paolucci è l'autore di WUH! - Gorilla Sapiens Edizioni http://www.gorillasapiensedizioni.com/libri/wuh
Contact:

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*