Cos’è il conflitto? COMMENTA  

Cos’è il conflitto? COMMENTA  

Il conflitto è un aspetto inevitabile della vita quotidiana. Che sia con gli altri, se stessi o con la società, il conflitto è un aspetto inevitabile delle esperienze di vita. Capire come inizia e come si intensifica significa fare un lungo cammino verso la conoscenza ed usarlo a tuo vantaggio. Questo articolo affronterà come individuare i semi del conflitto in una situazione e come  sfruttare i possibili risultati che il conflitto può portare.


 

Psicologia
Il conflitto si verifica tra due o più persone che sono in disaccordo su una questione che minaccia i loro rispettivi obiettivi, valori e bisogni. Quando i partecipanti ad un qualsiasi disaccordo percepiscono questa minaccia, il conflitto si sviluppa su piani anche molto intensi. Con tutte le risorse e le opportunità disponibili all’interno di qualsiasi ambiente sociale, non è raro che i conflitti sorgano. Al contrario, se gestito in modo efficace il conflitto può portare ad una crescita personale e creare il cambiamento necessario per migliorare le relazioni interpersonali in generale.

La radice ultima del conflitto avviene quando si percepisce qualcosa o qualcuno come una minaccia per il proprio benessere. Queste minacce di solito innescano reazioni emotive o psicologiche. Quando questo accade, la propria capacità di vedere e di affrontare la situazione in modo obiettivo è ostacolata. Questo, a sua volta, fa sembrare che ci sia un numero limitato di soluzioni ad un problema particolare. Una volta che la prospettiva è ostacolata dalle emozioni, la comunicazione diventa difficile.


Focalizzarsi sugli interessi di ciascuna delle parti, piuttosto che sulle le minacce percepite è un modo più efficace per gestire al meglio i conflitti. Questo approccio crea un ambiente in cui le esigenze  possono essere espresse. Lo spostamento del focus, permette di ridurre la spinta emotiva per proteggere i propri interessi. L’interazione diventa quindi una soluzione a base di scambio in cui i fattori emotivi possono essere espressi ed affrontati con razionalità e maturità.

L'articolo prosegue subito dopo


Effetti
Come tutte le cose emotive, gli ingredienti per il conflitto possono essere presenti molto prima che un alterco abbia effettivamente luogo. La capacità di identificare ed affrontare i conflitti in modo precoce, riduce la probabilità di un’escalation dell’aggressività nel conflitto stesso. Perché questo abbia luogo, è necessario capire in che modo le persone sono inclini a comunicare (o non comunicare) le loro preoccupazioni.

Una teoria sostiene che gli individui in genere rientrano in uno dei quattro temperamenti di base della personalità: collerici – comunicatori diretti che possono essere intimidatori, ma sono aperti al cambiamento, flemmatici – persone concrete che non amano il conflitto né il cambiamento; sanguigni – questi tipi accolgono conflitto per l’espressione e lo scambio di idee. Essi vedono il cambiamento come un’avventura; malinconici – questi tipi sono calmi e temperati e non amano i toni alti. A loro non piace il cambiamento.
il conflitto, espresso o no, invoca il cambiamento. Se il cambiamento possa essere positivo o negativo, dipende da come la situazione viene gestita. Coloro che rientrano in un tipo di personalità che è a disagio con il cambiamento, ad esempio, beneficerebbero più da uno scambio che permette l’espressione di interessi e bisogni. Comprendere le ragioni di un conflitto e la necessità di un cambiamento è essenziale per spostare il processo di risoluzione dei conflitti.

Tipologie

Il conflitto può assumere molte forme diverse. Essere in grado di identificarle può aiutare il processo di risoluzione. Ci sono cinque tipi da considerare.
1. Strutturale: questi sono causati da forze esterne che si verificano all’interno di un’organizzazione – carichi di lavoro, la disponibilità di risorse, vincoli di tempo. i conflitti strutturali richiedono soluzioni strutturali.
2. Dati: questi hanno a che fare con i processi di informazione in atto all’interno della società.  I disaccordi di questo tipo possono essere causati dal processo stesso o da incomprensioni su come il processo dovrebbe funzionare. i cambiamenti nel processo, o una spiegazione approfondita su come funziona, rappresentano una soluzione necessaria.
3. Valori: questi sono basati su sistemi di credenze individuali e sono i più difficili da risolvere. L’approccio migliore è quello di favorire la comprensione e il rispetto di ogni altri valore.
4. Relazione: questi conflitti di solito sono centrati attorno a problemi di personalità contrastanti che portano a comportamenti negativi. Talvolta la risoluzione può essere raggiunta attraverso la comprensione delle reciproche ragioni di disaccordo a seconda di quanto radicate sono. E’ bene impostare un limite in modo da stabilire un cordiale rispetto per coloro che sono coinvolti nel conflitto.                                                                                                                                     5. Interessi: questi conflitti accadono come conseguenza di minacce percepite nei confronti dei i propri obiettivi, o esigenze. Fattori emotivi e psicologici possono essere presenti su entrambi i lati. Un approccio efficiente può essere basato su soluzioni volte ad affrontare gli interessi di ciascuna parte, i risultati desiderati e le intenzioni positive permettono di ridurre il rischio delle minacce percepite e dettare il processo di risoluzione.

Teorie / speculazione
Una teoria popolare sul perché esiste conflitto è stata proposta da Karl Marx, un teorico tedesco nonché attivista politico del 19 ° secolo. Marx attribuisce la base del conflitto al materialismo, in quanto le norme stabilite nel mercato (il mondo del lavoro) dettano le nostre associazioni di classe individuali e le partecipazioni. Egli teorizzò che il set di coscienza di classe, che rappresenta diversi livelli e diversi interessi socio-economici, conduce agli inevitabili conflitti che dobbiamo affrontare giorno per giorno. Secondo Marx, il senso di una coscienza di classe del singolo era necessario perché potesse accadere un cambiamento costruttivo. Ha visto i detentori del potere della società in contrasto con il concetto di coscienza di classe come un mezzo per mantenere le loro posizioni. Invece, i detentori del potere promuovevano il concetto di coscienza individuale come un modo per indebolire l’impatto di massa, o i conflitti di classe. Molti economisti e sociologi di oggi accusano la teoria di Marx come una forza dominante all’interno della società moderna.

Benefici

Il conflitto può diventare stressante a volte, tuttavia ci sono vantaggi reali per risolverlo che altrimenti non si presenterebbero se non se ne presentasse l’occasione. Tali benefici possono presentarsi in forma di crescita personale, di un rapporto più forte, una maggiore produttività ed una spinta complessiva di morale. Il verificarsi di un conflitto apre spazi che altrimenti avrebbero poca, o nessuna motivazione per la crescita e il cambiamento.
Esempi di benefici per la risoluzione effettiva si possono trovare in tutti i settori della società. I conflitti che si verificano a livello internazionale hanno portato a numerosi accordi nelle relazioni commerciali in tutto il mondo oltre che a trattati di pace invocati dai paesi che hanno interessi contrapposti. Nelle aree di business, strategie ed approcci hanno sempre favorito la prospettiva “vincente”, nelle trattative commerciali. Per quanto riguarda le relazioni personali, la capacità di affrontare le preoccupazioni e gli interessi porta le obbligazioni a lungo termine a rafforzarsi nel tempo.

 

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*