Cosa è successo a Cogne

Guide

Cosa è successo a Cogne

Il caso Cogne ha coinvolto la morte di un bambino di tre anni, ovvero Samuele Lorenzi, il 31 gennaio 2002 mentre dormiva nel letto dei suoi genitori nella loro casa di montagna, a Cogne, in Valle d’Aosta, nel nord Italia. La causa della morte è stato il grave trauma cranico che l’ha colpito. L’arma del delitto non è mai stata trovata.

Nel luglio 2004 la corte italiana ha condannato la madre di Samuele, Anna Maria Franzoni a 30 anni di carcere per l’assassino del figlio. Il 27 aprile 2007 la Corte d’Assise di Appello a Torino ha ridotto la pena della Franzoni da 30 a 16 anni di carcere. La Franzoni ha sempre dichiarato di non essere la responsabile della morte del figlio, affermando che il probabile assassino è giunto in casa nei pochi minuti che lei accompagnava l’altro figlio alla fermata del bus.

Il crimine presentava delle incongruenze.

Le porte e le finestre erano chiuse e non erano forzate, nulla manca, quindi nessun furto e in casa non c’è stata la presenza di estranei. Le tracce di sangue sono presenti solo nella stanza in cui dormiva il piccolo e i vicini non hanno sentito nulla di inusuale.

La donna, quando è rientrata, ha visto sangue ovunque, è andata alla finestra per chiamare un passante e dirgli “La testa di mio figlio è esplosa”, poi ha chiamato il 113 chiedendo aiuto e spiegando cosa fosse successo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*