Cosa fare in caso di mobbing COMMENTA  

Cosa fare in caso di mobbing COMMENTA  

Il mobbing nel contesto degli esseri umani significa bullismo di un individuo da un gruppo in qualsiasi contesto, come una famiglia, gli amici, coetanei, la scuola, sul posto di lavoro, vicinato, comunità, oppure online.


Quando si verifica l’abuso emotivo, come nei luoghi di lavoro, ad esempio “ganging” di collaboratori, subordinati o superiori, per costringere qualcuno fuori del posto di lavoro attraverso la voce, insinuazioni, intimidazioni, umiliazioni, discredito, e l’isolamento, è anche indicato come dannoso, non sessuale, non razziale, le molestie in generale.


Chiunque sia sottoposto a bullismo, a mobbing in particolare, deve cercare supporto a specifiche associazioni, a dottori, medici, psicologi, chiunque si occupi di questa problematica.

Con il mobbing si può anche fare ricorso a vie legali riempiendo un documento e applicando la compensazione per i danni che si soffrono, sebbene in Italia non ci siano legislazioni specifiche in tal senso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*